MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Per la valutazione della funzione della tiroide delle persone con obesità grave servono valori normali del TSH specifici

Notizia

PUBBLICATO

Per la valutazione della funzione della tiroide delle persone con obesità grave servono valori normali del TSH specifici

Uno dei problemi, segnalato da molti esperti riguardo alla valutazione della funzione della tiroide, è che un unico intervallo di valori normali non è sufficiente. Uno studio indicherebbe che servirebbero valori normali specifici anche per le persone con eccesso di peso grave.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La valutazione della funzione della tiroide si basa su alcuni esami di laboratorio e, in particolare, ha assunto un ruolo centrale la misurazione della concentrazione nel sangue del TSH. Tutte le Linee Guida indicano nello studio dei livelli di questo ormone lo strumento principale per rilevare la presenza di un iper- o ipotiroidismo. In diverse Regioni Italiane il Sistema Sanitario obbliga ad eseguire la sola valutazione del TSH come primo livello di indagine, per poi, eventualmente, misurare i livelli di altri ormoni, solo se il TSH è alterato. Ma quanto sono attendibili i risultati di questo esame di laboratorio? In un aggiornamento dal Congresso dell’Associazione Italiana della Tiroide del 2016 si è riportato che gli stessi specialisti hanno dubbi circa l’affidabilità dei metodi di misurazione del TSH e riguardo all’adeguatezza dei valori normali ai quali si fa riferimento. In teoria si dovrebbe disporre di valori normali specifici per il sesso maschile e per il femminile, per diverse fasce di età e, nelle femmine, per stati specifici come la gravidanza.

Valdès e colleghi hanno valutato l’adeguatezza dei valori normali di riferimento del TSH, rispetto al livello di peso e di Indice di Massa Corporea. Nello studio sono stati arruolati 3928 soggetti senza malattie della tiroide, non in cura con farmaci che potessero influenzare la funzione dell’organo e che non avevano gli auto-anticorpi che si rilevano nelle persone con tiroiditi. Fra i dati raccolti c’erano caratteristiche demografiche, misure fisiche e analisi di laboratorio di sangue e urine. Sono stati misurati anche: TSH, FT4, FT3 e anticorpi antiperossidasi. I valori normali di TSH sono stati stimati in 0.6-4.8 μUI/ml nelle persone sottopeso, 0.6-5.5 μUI/ml nei normopeso, 0.6-5.5 μUI/ml nei sovrappeso, 0.6-5.9 μUI/ml negli obesi e 0.7-7.5 μUI/ml negli obesi gravi, cioè quelli con Indice di Massa Corporea ≥40. Usando i valori di riferimento della popolazione normopeso la frequenza di valori aumentati di TSH è risultata aumentata di tre volte nei soggetti con obesità grave (p<0.01).

Gli autori hanno concluso che, nelle persone con obesità grave, si potrebbero formulare diagnosi non corrette, riguardo alla funzione della tiroide, usando i valori normali validi per i soggetti normopeso.

Tommaso Sacco

Fonte: Reference values for TSH may be inadequate to define hypothyroidism in persons with morbid obesity: Di@bet.es study; Obesity, 2017 Apr;25(4):788-793