MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Valutato l’andamento degli ormoni della tiroide durante una dieta per il calo di peso

Notizia

PUBBLICATO

Valutato l’andamento degli ormoni della tiroide durante una dieta per il calo di peso

Una ricerca ha valutato l’andamento degli ormoni prodotti dalla tiroide in persone sottoposte a una dieta per il calo di peso. I risultati hanno indicato che livelli più alti di FT3 e FT4 precedenti alla dieta sono indicativi di un maggior calo di peso.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

Gli autori sono partiti dalla considerazione che non ci sono informazioni definitive circa l’andamento delle concentrazioni nel sangue degli ormoni della tiroide durante l’esecuzione di diete per il calo di peso e nemmeno su cosa succede nel caso in cui, dopo avere interrotto la dieta, ci sia un aumento del peso. Per questo motivo sono state valutate 569 persone obese o sovrappeso, di età compresa fra 30 e 70 anni, con una normale funzione della tiroide.  Tutti hanno ricevuto una dieta che aveva l’obiettivo di ridurre il peso corporeo per i primi sei mesi dello studio, mentre, dal settimo al ventiquattresimo mese, sono stati seguiti per valutare l’evoluzione del peso e del metabolismo. Prima di iniziare la dieta, dopo 6 mesi e dopo 24 mesi sono stati registrati: peso, altre misure fisiche, metabolismo a riposo e concentrazioni nel sangue di FT3, FT4, T3 totale, T4 totale, TSH e altre variabili di laboratorio.

Nei primi 6 mesi i partecipanti hanno perso una media di 6.6 kg e, successivamente, si è rilevato un aumento medio di peso di 2.7 kg nel periodo compreso fra 6 e 24 mesi. L’FT3 e la T3 totale, registrate prima dell’inizio della dieta, sono risultate associate a peso corporeo, Indice di Massa Corporea e metabolismo basale. T4 totale e TSH non hanno mostrato relazioni con questi parametri. Nei soggetti che, prima dell’inizio della dieta, avevano valori più alti di FT3 e FT4 si è rilevato un calo ponderale maggiore nei primi 6 mesi e tale differenza è risultata statisticamente significativa (p<0.05), rispetto alle persone con FT3 e FT4 meno elevate, dopo aver escluso possibili influenze da parte di altri fattori. Non si è rilevata invece alcuna relazione fra i livelli degli ormoni della tiroide e l’aumento di peso osservato nel periodo compreso fra i 6 e i 24 mesi. Inoltre modificazioni di FT3 e T3 totale sono risultate associate ai cambiamenti del peso corporeo, del metabolismo basale, della massa grassa, della pressione sanguigna, della glicemia, dell’insulinemia e della concentrazione nel sangue dei trigliceridi e della leptina, osservati a 6 e a 24 mesi. Tutte le correlazioni sono state statisticamente significative (p<0.05).

Nelle conclusioni dell’articolo gli autori hanno sottolineato che nella loro ricerca valori di base più elevati di FT3 e FT4 sono stati indicativi di un maggiore calo di peso in soggetti sottoposti a una dieta. Tali evidenze indicherebbero un nuovo ruolo degli ormoni della tiroide nella regolazione del peso corporeo e potrebbero aiutare a identificare le persone che rispondono meglio alle diete per il calo di peso.

Ulteriori ricerche, su casistiche più ampie, dovranno confermare le evidenze raccolte in questo studio.

Tommaso Sacco

Fonte: Thyroid hormones and changes in body weight and metabolic parameters in response to weight-loss diets: The POUNDS LOST trial; International Journal of Obesity, 2017 Jan 31.