MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Tiroide in gravidanza: come gestire la terapia con levotiroxina

Notizia

PUBBLICATO

Tiroide in gravidanza: come gestire la terapia con levotiroxina

L’Associazione Americana della Tiroide (in inglese American Thyroid Association: ATA) ha pubblicato l’edizione 2017 delle Linee Guida per la gestione delle malattie della tiroide durante la gravidanza e il puerperio. In questo aggiornamento si riprendono le parti del documento dedicate all’adattamento della cura con levotiroxina durante la gravidanza e l’allattamento.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Come riportato nei precedenti aggiornamenti tratti dalla Linee Guida dell’ATA, durante la gravidanza avvengono delle modificazioni fisiologiche della funzione della tiroide che, nei soggetti normali, richiedono un aumento del 40-50% del contenuto di tiroxina nell’organismo per mantenere l’eutiroidismo, cioè il corretto equilibrio fra attività della tiroide e risposta dei tessuti dell’organismo agli ormoni che essa produce. In condizioni normali, a questo adattamento fornisce un contributo decisivo l’ormone hCG che stimola la produzione degli ormoni tiroidei. Nelle donne con un ipotiroidismo già presente prima del concepimento, gli effetti di hCG e TSH non sono sufficienti a determinare questo adattamento e, se la dose di levotiroxina non viene adeguata, le richieste dell’organismo supereranno la risposta della ghiandola e si svilupperà un ipotiroidismo. Le ricerche eseguite in questo campo hanno confermato che l’incremento di fabbisogno di tiroxina comincia fra la 4° e la 6° settimana di gravidanza, aumenta progressivamente fino alla 16°-20° settimana, per poi stabilizzarsi, a questi livelli aumentati, fino al parto. Su questa base vengono formulate raccomandazioni circa gli aggiustamenti della dose di levotiroxina nelle donne con ipotiroidismo che conseguono una gravidanza e anche sulla frequenza con cui verificare la concentrazione nel sangue di TSH.

Quale percentuale di donne in cura con levotiroxina prima della gravidanza necessita di una modificazione della dose dopo il concepimento?

La percentuale varia dal 50 all’85% e la necessità di aumento della dose dipende dalla causa dell’ipotiroidismo. Fra una donna nella quale c’è stata un’asportazione della tiroide e una con tiroidite di Hashimoto è più verosimile che nella prima ci sia necessità di aggiustamento della dose e che l’entità dell’aumento della stessa sia maggiore. Anche i livelli di TSH precedenti al concepimento possono far prevedere necessità e ampiezza del cambio di dose. Per quanto riguarda i tempi, l’adattamento della dose va fatto il più presto possibile, dopo il concepimento, e l’obiettivo da porsi consiste nel mantenimento di una concentrazione normale di TSH nel sangue. Circa le modalità di incremento della dose, le Linee Guida forniscono ulteriori dettagli dei quali dovranno tenere conto i medici per individuare l’approccio migliore.

Come va adattata la dose di levotiroxina dopo il parto?

La necessità di aumenti di dosaggio di levotiroxina che possono essere richiesti durante la gravidanza viene meno con il termine della gravidanza stessa. Per questo motivo, dopo il parto la dose del farmaco dovrebbe essere ridotta fino a tornare ai livelli precedenti al concepimento. Secondo le Linee Guida, Il tutto dovrebbe comportare anche una verifica dei livelli di TSH nel sangue dopo sei settimane dal parto. D’altra parte, nel documento, si segnala che uno studio ha indicato che, in più del 50% delle donne con tiroidite di Hashimoto, dopo il parto si rende necessaria una dose superiore a quella assunta prima della gravidanza. La spiegazione di questo aumento del fabbisogno sarebbe una recidiva dell’infiammazione autoimmune della tiroide caratteristica di quella malattia, ma che si ritrova anche in altre patologie sostenute da meccanismi di autoimmunità. In conclusione, le Linee Guida formulano la seguente raccomandazione: dopo il parto la dose di levotiroxina va riportata ai valori precedenti al concepimento e una verifica della funzione della tiroide, con opportuni esami di laboratorio, va fatta dopo sei settimane.

Tommaso Sacco

Fonte: 2017 Guidelines of the American Thyroid Association for the Diagnosis and Management of Thyroid Disease during Pregnancy and the Postpartum; Thyroid.