Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Pubblicata la revisione di un’ampia casistica di tumori delle paratiroidi

Notizia|timepubblicato il
Pubblicata la revisione di un’ampia casistica di tumori delle paratiroidi

E’ stata pubblicata una revisione di 234 casi di cancro delle paratiroidi. Fra i risultati di tale analisi ci sono i frequenti errori nella diagnosi di questo tumore e l’evidenza che una rimozione radicale, come primo approccio, riduce le recidive e aumenta la sopravvivenza.

Potrebbe interessarti anche…

Il cancro delle paratiroidi è uno dei tumori più rari e ha una prognosi relativamente poco grave. Infatti, la sopravvivenza a 5 e 10 anni, riportata nella letteratura scientifica, è compresa, rispettivamente, fra il 78 e l’85% e fra il 49 e il 70%. Per aumentare l’attenzione nei confronti di questo tumore e ottimizzare la sua diagnosi e la sua gestione clinica, è stata eseguita una revisione di 234 casi raccolti fra il 1984 e il 2015. Sono stati analizzati gli aspetti clinici, i percorsi diagnostici, gli approcci chirurgici e i risultati ottenuti. Si è rilevato che gli errori diagnostici, prima di ricorrere alla chirurgia, sono abbastanza frequenti e che non è facile avere una diagnosi certa neanche analizzando campioni prelevati durante l’intervento chirurgico. L’esecuzione di un’asportazione radicale delle paratiroidi, come primo approccio, ha migliorato la sopravvivenza di circa 8 anni e in maniera statisticamente significativa (p<0.001). Nei casi in cui si è presentata una recidiva, un secondo intervento ha aumentato la sopravvivenza di circa 7 anni (p<0.001). A conferma di questi dati si è calcolato che intervenendo in prima battuta con una resezione radicale, si riduce in maniera statisticamente significativa il rischio di recidiva dopo l’intervento (p=0.03) e, nel caso in cui un secondo intervento si renda comunque necessario, si è rilevato un aumento della sopravvivenza (p=0.03). La sopravvivenza complessiva a 5 e a 10 anni, in questa casistica, è stata rispettivamente dell’83 e del 67%. Nei maschi si è registrata una sopravvivenza inferiore, rispetto alle femmine.

Nelle conclusioni gli autori hanno sottolineato che, nella casistica dei tumori delle paratiroidi da loro valutata, si è rilevata una quota importante di errori diagnostici e che un intervento chirurgico radicale, eseguito in prima battuta, ha aumentato in maniera importante la sopravvivenza.

Fonte: Tommaso Sacco

Fonte: Clinical characteristics and treatment outcomes of parathyroid carcinoma: A retrospective review of 234 cases; Oncology letters 2017; 14: 7276-7282.