Noduli della tiroide degli anziani: per lo più benigni, ma la diagnosi deve essere precisa

Notizia |
Noduli della tiroide degli anziani: per lo più benigni, ma la diagnosi deve essere precisa

Uno studio eseguito in Italia ha valutato, su un’ampia popolazione di soggetti anziani, i risultati dell’agoaspirato dei noduli della tiroide. Le conclusioni hanno indicato che i noduli in questi soggetti sono quasi sempre benigni, ma, se maligni, si presentano in forme ad alto rischio.

Potrebbe interessarti anche…

La frequenza di comparsa di noduli della tiroide aumenta con l’età e la loro gestione negli anziani presenta problemi specifici, dovendo tenere conto della possibile presenza di altre malattie. Per tali motivi, Poma e colleghi hanno eseguito una ricerca che ha avuto l’obiettivo di evidenziare le differenze delle caratteristiche citologiche e istologiche dei noduli individuati nelle persone più avanti in età. Si è trattato di un’analisi retrospettiva di coorte su 13.747 soggetti di età superiore a 65 anni con noduli della tiroide. I riscontri raccolti in questa casistica sono stati confrontati con quelli di un gruppo di controllo costituito da adulti di meno di 65 anni di età. I risultati hanno indicato che nel gruppo più avanti in età la frequenza di noduli definiti benigni alla citologia, cioè in termini di caratteristiche delle cellule raccolte con l’agoaspirato, è superiore rispetto a quella del gruppo di controllo. Per tale motivo gli anziani sono stati sottoposti più raramente alla rimozione chirurgica dei noduli. A fronte di questa evidenza, Poma e colleghi non invece hanno rilevato differenze in termini di frequenza di riscontro di lesioni maligne dopo gli interventi chirurgici di rimozione della tiroide. Infatti, l’analisi istologica delle lesioni tumorali ha dimostrato che gli anziani hanno presentato forme più aggressive come: carcinoma midollare tiroideo, cancro anaplastico e poco differenziato, variante a grandi cellule del carcinoma papillare della tiroide e carcinoma a cellule di Hürthle. Rispetto al gruppo di controllo, in quello degli anziani anche per i cancri ben differenziati si sono rilevate una maggiore frequenza di invasività locale, il coinvolgimento dei linfonodi laterali del collo e l’invasione dei vasi.     

Nelle conclusioni Poma e colleghi hanno sottolineato che la diagnosi dei noduli della tiroide nelle persone anziane merita molta attenzione in quanto, se da una parte tali lesioni sono molto spesso benigne, dall’altra, se sono maligne, si presentano in forme evolutive e ad alto rischio. Questo rende cruciali la precisa definizione delle caratteristiche dei noduli prima della tiroidectomia e un attento monitoraggio dopo.

Tommaso Sacco

Fonte: Fine-Needle Aspiration Cytology and Histological Types of Thyroid Cancer in the Elderly: Evaluation of 9070 Patients from a Single Referral Centre; Cancers, 2021 Feb 22;13(4):907

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.