MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

L’uso degli agenti orali per gli esami della colecisti nella gestione dell’ipertiroidismo

Notizia

PUBBLICATO

L’uso degli agenti orali per gli esami della colecisti nella gestione dell’ipertiroidismo

Una revisione della letteratura scientifica ha preso in esame le pubblicazioni riguardanti l’uso di prodotti somministrati per bocca per gli esami della tiroide come cura dell’ipertiroidismo. Le conclusioni sono state che molti articoli descrivono l’uso di questi prodotti in tale indicazione, sebbene esso non sia autorizzato ufficialmente.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

La colecisti è l’organo che immagazzina la bile prodotta dal fegato per riversarla nell’intestino durante la digestione. Per valutarne l’aspetto e la funzione oggi si usa prevalentemente l’ecografia, mentre in passato si faceva ricorso a esami radiologici che comportavano la somministrazione di prodotti che delineavano l’aspetto della colecisti e definivano il suo contenuto. Alcuni di essi erano somministrati per via endovenosa e altri per bocca. La revisione della letteratura, servita come base per l’articolo, ha considerato pubblicazioni comparse fra il 1953 e il 2012. Si è puntata l’attenzione, in particolare, sull’impiego al di fuori delle indicazioni di questi prodotti mirato a trattare la malattia di Graves dell’adulto o del neonato, la tiroidite subacuta, la tiroidite da amiodarone (un farmaco impiegato per curare le alterazioni del ritmo del cuore), il gozzo tossico multinodulare e altre forme di aumentata funzione della tiroide.

Gli autori hanno concluso che i prodotti orali per colecistografia di solito sono efficaci nel curare le forme di ipertiroidismo considerate. In particolare, risulterebbero utili nei casi in cui è richiesto un rapido controllo del quadro. Inoltre gli autori hanno fornito specifiche indicazioni riguardo a forme particolari di ipertiroidismo. Resta comunque il problema che al momento questo tipo di utilizzo di tali prodotti non è autorizzato.

Tommaso Sacco

Fonte: Review of oral cholecystographic agents for the management of hyperthyroidism; Endocrine Practice, 2014;20(10):1084-1092.