MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

L’età della menopausa, un buon momento per verificare la salute della tiroide

Intervista

PUBBLICATO

L’età della menopausa, un buon momento per verificare la salute della tiroide

Aumento del peso, variazioni del ritmo del cuore e stipsi, astenia, irritabilità e sbalzi di umore li può provocare la menopausa, ma possono essere dovuti anche a ipo- o ipertiroidismo, per questo Paolo Vitti, Professore di Endocrinologia e Direttore della Unità Operativa di Endocrinologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana, raccomanda di non ignorarli o sottovalutarli e di eseguire, se frequenza e gravità dei sintomi lo consigliano, pochi esami di laboratorio che possano chiarirne la causa.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

Le evidenze scientifiche oggi disponibili indicherebbero che funzione e disfunzioni della tiroide non influenzino direttamente la menopausa e che la menopausa non abbia effetti specifici sulla tiroide, fatte salve le modificazioni alle quali vanno incontro organi o tessuti con l’avanzare dell’età. D’altra parte, ipotiroidismo e ipertiroidismo non curati adeguatamente possono penalizzare sia il benessere fisico, sia la qualità di vita di chi ne è affetto. Paolo Vitti, nell’intervista, chiarisce che queste disfunzioni e i noduli della tiroide, anch’essi frequenti nelle donne in menopausa, sono facili da definire, da controllare nel tempo e, se necessario, da trattare.

Clicca per saperne di più su menopausa e tiroide

Redazione Fondazione Cesare Serono