MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Con un ipotiroidismo ben curato si può anche diventare Presidente degli Stati Uniti

Notizia

PUBBLICATO

Con un ipotiroidismo ben curato si può anche diventare Presidente degli Stati Uniti

Il sito Medscape, uno dei più importanti al mondo nel campo della medicina, ha pubblicato di recente un rapporto della dottoressa che segue Hilllary Clinton, la candidata alla presidenza degli Stati Uniti. Il suo ipotiroidismo è sotto controllo e, anche per questo, sta sostenendo bene la durissima competizione elettorale.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

Il Presidente degli Stati Uniti è una delle persone più potenti al mondo e il percorso che si affronta per assumere questa carica è durissimo, soprattutto nella sua parte finale, quando i candidati dei due maggiori partiti di quel Paese si affrontano senza esclusione di colpi. Quest’anno tutto ciò è amplificato dalle caratteristiche del candidato del partito repubblicano e, fra gli aspetti messi in discussione, c’è stata la salute di Hillary Clinton. Infatti, negli ultimi anni, si sono verificati episodi che hanno fatto ipotizzare che sia affetta da malattie che le possano impedire di assolvere i compiti che comporta la carica di Presidente, nel caso fosse eletta.

Per questo motivo, Lisa Bardack, la Direttrice del Dipartimento di Medicina Interna del Massachusetts General Hospital, in italiano Ospedale Generale del Massachusetts, il 14 settembre 2016 ha compilato un rapporto ufficiale sulla salute di Hillary Clinton, che è stato pubblicato dal sito Medscape. Nel documento, si descrive il quadro verificatosi l’11 settembre quando, per un problema di vertigini, abbandonò la cerimonia di commemorazione dell’attentato alle Torri Gemelle. Si riportano anche le malattie dalle quali è affetta, le cure che assume e i risultati dei principali esami di laboratorio e strumentali ai quali si è sottoposta. Tra le condizioni elencate, c’è anche un ipotiroidismo, che, secondo il rapporto di Lisa Bardack, è perfettamente controllato con una terapia stabile da tanti anni.

Si tratta di una buona notizia per tutte le persone con ipotiroidismo e, in particolare, per le molte donne che presentano questa disfunzione della tiroide: se la gestiscono bene, non rappresenterà mai un limite nel raggiungimento dei loro obiettivi di vita, come non lo è per la candidata alla presidenza degli Stati Uniti.

Tommaso Sacco

Fonte: Medscape