Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Ipoparatiroidismo e funzioni cognitive

Notizia |time pubblicato il
Ipoparatiroidismo e funzioni cognitive

Un gruppo di specialisti italiani ha eseguito una revisione della letteratura per verificare la relazione fra ipoparatiroidismo e alterazioni delle funzioni cognitive. I risultati hanno evidenziato che, sia pure presentata prevalentemente nella descrizione di casi clinici, l’associazione fra ridotta funzione delle paratiroidi e minore efficienza delle funzioni cognitive è stata segnalata spesso in letteratura.  

Potrebbe interessarti anche…

La ridotta concentrazione di calcio nel sangue, conseguente a un alterato metabolismo di questo elemento nell’organismo, e un’inadeguata secrezione di paratormone sono stati indicati come possibili fattori di disfunzioni del sistema nervoso centrale. Le funzioni cognitive consistono in una serie di funzioni del cervello che raggiungono livelli diversi di complessità. Fra le più articolate ci sono l’attenzione e la memoria. Nell’insieme, tali funzioni permettono alle persone di adattare i comportamenti e la modulazione del pensiero alle evoluzioni delle situazioni nelle quali le persone stesse si vengono a trovare. Nella vita quotidiana le alterazioni delle funzioni cognitive possono manifestarsi in maniera variabile dalla sola incapacità di mantenere l’attenzione, alla difficoltà di pianificare attività, all’impossibilità di controllare o limitare certe azioni. Fra gli effetti dell’ipocalcemia e della ridotta secrezione di paratormone sul sistema nervoso centrale, non si conoscono o sono sottostimati, in particolare, quelli sulle funzioni cognitive. Per tale motivo Sardella e colleghi hanno riassunto, in maniera sistematica, le evidenze disponibili sull’impatto dell’ipoparatiroidismo primario o di quello secondario sulle disfunzioni cognitive. Per farlo, gli autori hanno eseguito una ricerca di pubblicazioni sull’argomento in tre dei maggiori archivi di letteratura scientifica disponibili in rete. Di tutti gli articoli reperiti, ne sono stati selezionati diciassette, dei quali sedici erano descrizioni di casi clinici e l’altro che è stato uno studio osservazionale per determinare la prevalenza del problema. I casi clinici sono stati le fonti di letteratura scientifica più rappresentative e hanno descritto i casi di 10 femmine e 7 maschi. La presenza di alterazioni delle funzioni cognitive è stata riportata quasi sempre in associazione all’ipoparatiroidismo primario, mentre 5 casi hanno riguardato disfunzioni cognitive correlate a ipoparatiroidismo comparso dopo interventi chirurgici. Lo studio osservazionale ha rilevato un significativo aumento di carenze di specifiche funzioni cognitive nei soggetti con ipoparatiroidismo, rispetto a persone considerate come controlli sani. In particolare, si sono registrati: ridotto controllo inibitorio, alterazione della funzione visivo-spaziale e ritardo psicomotorio. Le concentrazioni nel sangue di calcio totale e di composti di calcio e fosforo sono risultate essere indicatori indipendenti della probabilità di sviluppo delle disfunzioni cognitive.

Nelle conclusioni Sardella e colleghi hanno spiegato che, seppure dimostrata prevalentemente nella descrizione di singoli casi clinici, l’alterazione delle funzioni cognitive sembra essere un riscontro rilevante nelle persone con ipoparatiroidismo.                        

Tommaso Sacco

Fonte: The association between hypoparathyroidism and cognitive impairment: a systematic review; Journal of Endocrinological Investigation 2020 Sep 14