Ipertiroidismo, ipotiroidismo e disturbi del sonno

Notizia |
Fact checked
Ipertiroidismo, ipotiroidismo e disturbi del sonno

Una revisione della letteratura ha analizzato le evidenze disponibili circa la relazione fra le disfunzioni della tiroide e le alterazioni del sonno. I risultati hanno evidenziato che tale relazione andrebbe esplorata nelle persone che hanno problemi di sonno perché a causarli potrebbero essere ipertiroidismo o ipotiroidismo.

Potrebbe interessarti anche…

Nonostante sia noto che gli ormoni della tiroide contribuiscono a regolare la funzione di molti organi e apparati la relazione fra l’alterata funzione della ghiandola e i disturbi del sonno è stata poco esplorata. Uno studio eseguito su 137 persone con malattia di Graves, la causa più comune di ipertiroidismo ha dimostrato che il 66% di esse aveva difficoltà ad addormentarsi e altri autori hanno suggerito che concentrazioni aumentate nel sangue di ormoni della tiroide interferiscano con vari aspetti del sonno, dal tempo richiesto per addormentarsi alla capacità di rimanere addormentati, all’eccessiva sonnolenza durante il giorno. In particolare alcuni meccanismi, stimolati dall’ipertiroidismo, come le modificazioni dell’appetito, la diarrea e l’ansia sarebbero associati ad un marcato prolungamento del tempo necessario per addormentarsi. Una ricerca nella quale soggetti con ipertiroidismo, insonnia, irritabilità e ansia erano stati trattati con soli farmaci antitiroidei o con antitiroidei associati a trattamenti psichiatrici, ha dimostrato che la combinazione delle due terapie non forniva vantaggi rispetto ai soli prodotti antitiroidei. Ciò confermerebbe che insonnia, irritabilità e ansia dipenderebbero proprio dall’effetto dell’aumentata produzione di ormoni della tiroide. Anche all’ipotiroidismo si può associare l’insonnia e alcune ricerche hanno dimostrato che un ipotiroidismo subclinico non curato riduceva la qualità del sonno. Un altro studio ha evidenziato che sia persone con ipotiroidismo subclinico che con ipotiroidismo clinicamente evidente avevano un prolungamento del tempo necessario per addormentarsi, una riduzione della durata del sonno e una minore soddisfazione circa la qualità del loro sonno, rispetto a soggetti con una normale funzione della tiroide. Altri autori non hanno confermato tali relazioni e un problema relativo alle ricerche effettuate in questo campo e che, quasi sempre, hanno coinvolto un numero ridotto di soggetti. Mentre l’associazione tra ipertiroidismo e insonnia è spiegabile più facilmente lo è meno quella tra l’ipotiroidismo e lo stesso disturbo del sonno. Una possibile spiegazione sarebbe che non la ridotta funzione della tiroide in sé, ma alcuni sintomi che essa provoca sarebbero all’origine dell’insonnia. Ad esempio le persone con ipotiroidismo possono avere dolore ai muscoli e alle articolazioni, intolleranza al freddo e ansia. Questi sintomi provocherebbero l’insonnia. Nell’articolo si riportano anche dati e informazioni sul possibile ruolo di iper e ipotiroidismo nello sviluppo di altri disturbi del sonno come la Sindrome delle gambe senza riposo e l’apnea ostruttiva del sonno.

Nelle conclusioni gli autori hanno sottolineato che, anche se i disturbi del sonno non vengono abitualmente associati alle disfunzioni della tiroide, nella pratica clinica tale relazione andrebbe sempre valutata per gestire al meglio le persone che ne sono affette.

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.