MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Fumo in gravidanza: può alterare la funzionalità  della tiroide di mamma e neonato?

Notizia

PUBBLICATO

Fumo in gravidanza: può alterare la funzionalità  della tiroide di mamma e neonato?

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della Gran Bretagna, pubblicato sul The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism (Il Giornale di Endocrinologia Clinica e Metabolismo), ha valutato l'effetto del fumo sulla funzionalità  della tiroide della madre e del neonato in un gruppo di donne gravide.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

La tiroide è una ghiandola situata alla base del collo, che ha il compito di produrre due ormoni specifici, la tiroxina libera o fT4 (Free Thyroxine- tiroxina libera) e la triodotironina libera o fT3 (Free Triiodothyronine- triodotironina libera), che contribuiscono a modulare molte funzioni, a cominciare dal metabolismo, vale a dire l'insieme dei meccanismi che, fra le altre cose, trasformano il cibo in energia, "bruciata" dai vari tessuti o immagazzinata nel tessuto adiposo. Anche produzione di calore, frequenza cardiaca, motilità  intestinale e forza muscolare sono influenzate dagli ormoni tiroidei. L'attività  della ghiandola tiroidea è, a sua volta, governata dall'ormone tireotropo o TSH (Thyroid-Stimulating Hormone- ormone stimolante la tiroide), un ormone prodotto dall'ipofisi, una ghiandola posta alla base del cervello.

Disfunzioni della ghiandola tiroidea presenti durante la gravidanza possono aumentare il rischio di aborto spontaneo, parto pretermine, neonato sottopeso e con ridotto sviluppo neuropsichico.

La ricerca ha riguardato 2.355 donne gravide sane che non avevano mai sofferto di malattie della tiroide e di livelli alterati di TSH, fT4 e fT3. Millequattrocentoventotto erano nel primo trimestre di gravidanza e 927 nel terzo trimestre. Tutte sono state sottoposte a un prelievo di sangue, per valutare i valori di TSH, fT3 e fT4, e sono state invitate a rispondere a un questionario sull'eventuale consumo di sigarette.

Analizzando i risultati, gli autori hanno scoperto che nelle donne che durante la gravidanza avevano fumato, rispetto a quelle che non avevano fumato, il livello di TSH era più basso e quello di fT3 più alto. Il livello di fT4, invece, era simile in tutte le donne.

Livelli bassi di TSH, associati a livelli alti di fT3 e/o fT4, indice suggeriscono una condizione di ipertiroidismo: la ghiandola tiroidea produce più ormoni del necessario normale e, così facendo, inibisce la produzione di TSH da parte dell'ipofisi.

Al parto, sono stati misurati i livelli del TSH in campioni di sangue estratti dai cordoni ombelicali di 618 neonati nati da donne, fumatrici e non fumatrici, che erano nel terzo trimestre di gravidanza. Hanno così rilevato che i livelli di TSH erano più bassi nel cordone ombelicale di neonati di donne che avevano fumato in gravidanza, rispetto a quelli nati da donne non fumatrici.

Gli studiosi hanno concluso che il fumo di sigaretta, in questa casistica, si è associato ad funzione alterazioni dei livelli ematici di ormoni tiroidei e TSH nelle gravide e nel sangue del cordone ombelicale dei neonati. Studi più approfonditi aiuteranno a chiarire meglio il tipo di relazione che esiste fra fumo in gravidanza e funzionalità  della tiroide di mamma e neonato.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: Cigarette Smoking during Pregnancy Is Associated with Alterations in Maternal and Fetal Thyroid Function; The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism Vol. 94, No. 2 570-574