MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Epidemiologia e diagnosi dell’ipoparatiroidismo

Notizia

PUBBLICATO

Epidemiologia e diagnosi dell’ipoparatiroidismo

Pubblicata di recente una revisione della letteratura scientifica e delle raccomandazioni riguardanti la diagnosi di ipoparatiroidismo.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

L’ipoparatiroidismo è una patologia caratterizzata da una riduzione del calcio nel sangue, dovuta a un’insufficiente secrezione di paratormone. Si differenzia da una malattia più rara, lo pseudoipoparatiroidismo nel quale la produzione di paratormone può esser normale ma i tessuti non rispondono adeguatamente a tale ormone. Un gruppo di studio dedicato all’ipoparatiroidismo ha fatto il punto sulle attuali conoscenze relative alla diffusione di questa condizione e alla sua diagnosi.

La frequenza dell’ipoparatiroidismo negli Stati Uniti è di 37 casi su 100.000 persone, mentre in Danimarca è di 22 su 100.000. L’incidenza in Danimarca è di 0.8 nuovi casi all’anno ogni 100.000 persone. Gli autori segnalano che in tutto il resto del mondo non sono disponibili dati epidemiologici relativi a questa malattia. L’apparente disinteresse nel valutare la diffusione di questo problema è difficile da spiegare, pur sapendo che esso non comporta un aumento dei decessi o della comparsa di malattie gravi come quelle cardiovascolari o i tumorali. Infatti, l’ipoparatiroidismo aumenta in maniera importante il rischio di insufficienza renale, di calcoli delle vie urinarie, di depositi di calcio nel cervello e di alcuni tipi di danno agli occhi. Per individuare una carente produzione di paratormone, va misurato il suo livello nel sangue, ma le raccomandazioni segnalano che i risultati sono attendibili solo se si usano metodi di dosaggio di ultima generazione. La causa più frequente di ipoparatiroidismo è la rimozione delle paratiroidi in occasione di interventi sulla tiroide, seguita da danni da malattie autoimmuni e, raramente, da alterazioni dei geni. E’ ancora più raro che a danneggiare le paratiroidi siano radiazioni usate a scopo di cura o la somministrazione di radioiodio in persone con malattie della tiroide.

Nelle conclusioni, gli autori sottolineano l’importanza di individuare l’ipoparatiroidismo per evitare che esso sviluppi le sue conseguenze in termini di malattie associate e complicazioni.

Tommaso Sacco

Fonte: Epidemiology and Diagnosis of Hypoparathyroidism; The Journal of  Clinical Endocrinology & Metabolism, March 04, 2016