Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Diffusione ed evoluzione dell’iperparatiroidismo normocalcemico

Notizia |time pubblicato il
Diffusione ed evoluzione dell’iperparatiroidismo normocalcemico

Per iperparatiroidismo normocalcemico si intende una condizione nella quale si osservano concentrazioni nel sangue elevate del paratormone e normali del calcio. Uno studio ha valutato la frequenza e la storia naturale di questa malattia. 

Potrebbe interessarti anche…

Nella pratica clinica, oltre ai casi di iperparatiroidismo, cioè di aumento patologico della concentrazione nel sangue del paratormone, che sono accompagnati da un aumento dei livelli di calcio nel sangue, se ne osservano altri nei quali all’iperparatiroidismo si associano concentrazioni di calcio normali. Quest’ultimo quadro si definisce, appunto, iperparatiroidismo normocalcemico e, per la sua valutazione, si può ricorrere ad esami complessi, come la scintigrafica delle paratiroidi, non sempre necessari e, quindi, all’origine di spese inutili. Una causa frequente di iperparatiroidismo normocalcemico è la carenza di vitamina D, con concentrazioni nel sangue inferiori a 20 ng/ml, o l’insufficienza della stessa vitamina, con concentrazioni comprese fra 20 e 30 ng/ml. Se da una parte il rapporto preciso fra concentrazioni nel sangue della vitamina D e livelli di incremento del paratormone non è definito, dall’altra di solito, ristabilendo livelli normali della vitamina, si corregge anche l’iperparatiroidismo. Per questi motivi, in presenza di concentrazioni elevate di paratormone nel sangue, prima di eseguire una scintigrafia delle paratiroidi è bene misurare i livelli sanguigni della vitamina D. Un’altra causa di iperparatiroidismo normocalcemico è l’insufficienza della funzione renale, mentre più rara è la perdita di calcio dai reni per varie cause. Se non si riesce a definire nessuna causa dell’iperparatiroidismo normocalcemico bisogna ipotizzare la presenza di una forma primaria di tale condizione, definita per la prima volta nel 1960 e caratterizzata da una prevalenza compresa fra lo 0.4% e il 3.1%. Partendo dalle conoscenze già acquisite, Schini e colleghi si sono posti l’obiettivo di confrontare le caratteristiche dei soggetti con iperparatiroidismo normocalcemico, con quelle di persone affette da iperparatiroidismo primario e con quelle di soggetti normali. Per questo, hanno esaminato, in maniera retrospettiva, i dati di 6280 soggetti afferiti a un ambulatorio per la valutazione della densità minerale ossea. Dal totale della casistica sono stati esclusi i soggetti con alterazioni dimostrate della funzione renale, con ridotte concentrazioni nel sangue di vitamina D e quelli nei quali mancavano i dati necessari per l’analisi. Studiando le cartelle cliniche, sono stati identificati 11 casi di iperparatiroidismo normocalcemico, corrispondenti a una prevalenza dello 0.18%. Di essi, solo 4 avevano avuto una calcemia normale per tutto il periodo nel quale sono stati seguiti e solo 2 di questi hanno avuto anche concentrazioni costantemente elevate di paratormone nel sangue. Nessuno ha avuto valori sempre normali di funzione renale e di livelli di vitamina D e in 7 degli 11 malati con iperparatiroidismo normocalcemico si è osservata una ipercalcemia intermittente. La media corretta della concentrazione di calcio nel sangue è stata, nella casistica con iperparatiroidismo normocalcemico, significativamente più bassa rispetto a quella con iperparatiroidismo primitivo, ma più alta di quella dei soggetti di controllo. Nelle persone con iperparatiroidismo normocalcemico e con iperparatiroidismo primitivo sono state simili le concentrazioni nel sangue di paratormone e le variazioni nel tempo della calcemia.

Gli autori hanno tratto dal loro studio due conclusioni. La prima è che, in casi di iperparatiroidismo normocalcemico, si osservano episodi di ipercalcemia, che, in parte, contraddicono il concetto stesso di tale condizione. L’altra conclusione è che, a loro parere, l’iperparatiroidismo normocalcemico è una forma di iperparatiroidismo primario.   

Tommaso Sacco

Fonte: Normocalcemic Hyperparathyroidism: Study of Its Prevalence and Natural History; Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism 2020 Feb 19