MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

La diffusione dell’ipotiroidismo è in aumento secondo dati pubblicati da ricercatori italiani

Notizia

PUBBLICATO

La diffusione dell’ipotiroidismo è in aumento secondo dati pubblicati da ricercatori italiani

Un gruppo di ricercatori ha eseguito uno studio sull’epidemiologia dell’ipotiroidismo in Piemonte, valutando anche l’eventuale associazione con le altre malattie. I risultati hanno dimostrato un aumento della frequenza del 35% e hanno evidenziato che spesso esso è parte di un quadro caratterizzato da varie patologie.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Giorda e colleghi hanno eseguito un’analisi della diffusione dell’ipotiroidismo in Piemonte per aggiornare le conoscenze su questo aspetto, poiché i dati precedenti risalivano alla fine degli anni ’90. La valutazione ha riguardato anche l’associazione fra ipotiroidismo e altre malattie croniche. I dati sono stati ottenuti valutando gli archivi relativi alle prescrizioni di farmaci e alle dimissioni dopo ricoveri in ospedale. La diagnosi di ipotiroidismo è stata attribuita a soggetti con almeno due prescrizioni di levotiroxina nel corso dell’anno 2012. Altri criteri di formulazione della diagnosi di ipotiroidismo sono stati: la somministrazione di iodio 131 o l’esecuzione di una tiroidectomia nei cinque anni precedenti. Per individuare la presenza di malattie croniche, come diabete e patologie infiammatorie di vario tipo, sono state prese in esame le diagnosi associate a esenzioni da contribuzioni alla spesa sanitaria e quelle specificate nelle dimissioni dopo ricoveri ospedalieri. La prevalenza, cioè la frequenza dell’ipotiroidismo nella popolazione, è stata quantificata in 31.1 ogni 1000 soggetti, dei quali 2.3 su 1000 erano casi di ipotiroidismo iatrogeno, cioè provocati da somministrazione di iodio 131 o conseguenti ad asportazione della tiroide. L’incidenza dell’ipotiroidismo, cioè la frequenza di nuovi casi per anno, è stata di 7 su 1000. La dose media giornaliera di levotiroxina, assunta dalle persone con ipotiroidismo identificate nello studio, è stata di 122 microgrammi equivalenti a circa 1.7 microgrammi per kg di peso corporeo. Gli autori hanno evidenziato anche un’elevata frequenza di associazione fra ipotiroidismo da una parte e diabete e malattie autoimmuni dall’altra. Per quanto riguarda il diabete si trattava di quello di tipo 1, di quello di tipo 2 o della forma che si presenta durante la gravidanza.

Nelle conclusioni, gli autori segnalano che, rispetto alle stime precedenti, la prevalenza dell’ipotiroidismo è aumentata di circa il 35% soprattutto per la diffusione di forme non iatrogene. L’aumento viene posto in relazione all’invecchiamento della popolazione e alla diffusione degli strumenti di diagnosi. Infine Giorda e colleghi segnalano che la frequente combinazione di ipotiroidismo e malattie croniche suggerirebbe un suo inquadramento come parte di fenomeni patologici più complessi.

Tommaso Sacco

Fonte: Prevalence, incidence, and associated co-morbidities of treated hypothyroidism. An update from a European population; European Journal of Endocrinology, 2017 Feb 8