MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Alterazione della funzione della tiroide e Sindrome metabolica: uno studio esclude ogni possibile associazione tra le due condizioni

Notizia

PUBBLICATO

Alterazione della funzione della tiroide e Sindrome metabolica: uno studio esclude ogni possibile associazione tra le due condizioni

La Sindrome metabolica non è influenzata dalla funzione della tiroide , e i livelli nel sangue dell’ormone tireostimolante non costituiscono un elemento che aumenti il rischio per la salute di questa condizione medica. La conferma arriva da un recente studio condotto, nel giro di un anno, in oltre 3000 soggetti obesi o in sovrappeso che non presentavano alterazioni della funzionalità della tiroide.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

La Sindrome metabolica è una condizione in cui si verifica un aumento del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, ovvero malattie che colpiscono il cuore e i vasi sanguigni, e il diabete di tipo 2. Poiché l’alterazione della funzione della tiroide per può giovare un ruolo nello sviluppo di malattie cardiovascolari e dal momento che, nei soggetti obesi, i livelli dell’ormone tireostimolante possono essere più elevati rispetto a quelli più magri, uno studio condotto negli Stati Uniti ha voluto stabilire se esistesse un possibile effetto negativo dovuto ai livelli nel sangue di questo ormone sulla Sindrome metabolica in generale e sulle singole componenti che la caratterizzano. I ricercatori hanno esaminato 3447 pazienti che non presentavano alcun tipo di malattia o malfunzionamento della tiroide, e che erano obesi o in sovrappeso, con un indice di massa corporea  compreso tra 26 e 46 kg/m2.

I livelli nel sangue dell’ormone tireostimolante non sono risultati differenti, tra i soggetti con e senza Sindrome metabolica, portando gli autori della ricerca a concludere che, al momento, non esiste alcuna associazione significativa tra i livelli di questo ormone che agisce sulla tiroide e la presenza di Sindrome metabolica e nemmeno rispetto alle singole componenti che fanno parte di questa Sindrome.

Questa ricerca suggerisce che l’ormone tireostimolante non deve essere considerato un fattore di rischio per la Sindrome metabolica nei soggetti obesi o in sovrappeso, anche quando dovesse risultare alterato. Per questo motivo è necessario riservare gli sforzi degli specialisti dedicati a modificare altri fattori di rischio già ben noti per il loro ruolo nella Sindrome metabolica.

Testi a cura della redazione scientifica Editamed

Fonte: Thyroid function and metabolic syndrome: a cross-sectional study in obese and overweight patients; Endocrine Practice, Volume 21, Issue 11 (November 2015)

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI