L’agoaspirato per i noduli della tiroide durante l’epidemia da COVID-19

Notizia |
L’agoaspirato per i noduli della tiroide durante l’epidemia da COVID-19

Un gruppo di specialisti italiani ha pubblicato un articolo sulla gestione dell’agoaspirato durante l’epidemia da COVID-19. Le loro conclusioni sono state che, applicando specifici protocolli per garantire la sicurezza, si è potuta offrire questa procedura diagnostica ai malati che ne avevano bisogno.

Potrebbe interessarti anche…

L’epidemia da COVID-19 ha avuto pesanti conseguenze sul Sistema Sanitario Italiano. All’inizio della diffusione del virus nel Mondo, l’Italia è stata il secondo Paese, per impatto del virus dopo la Cina. Ciò ha portato a imporre alla popolazione l’isolamento e a rinviare tutte le procedure mediche e chirurgiche non urgenti. Fra queste c’è stato anche l’agoaspirato, con la relativa analisi citologica, per i noduli della tiroide. È oggi assodato che la gestione clinica dei noduli della tiroide debba essere multidisciplinare e, in particolare, debba basarsi su una stretta collaborazione tra endocrinologi e specialisti che analizzano il materiale raccolto con l’agoaspirato. Tale esame va eseguito quando l’ecografia ha individuato caratteristiche che indicano un alto rischio di malignità per il nodulo. Al contrario, quando la richiesta dell’esame non è appropriata, l’agoaspirato può essere controproducente, in quanto porta a interventi diagnostici non necessari e a una minore efficacia del protocollo di diagnosi. Nella contingenza creata dall’epidemia da COVID-19, la richiesta dei soli esami realmente necessari è diventata di fondamentale importanza, per evitare di saturare i servizi ad essi dedicati e per non esporre il personale a rischi inutili di contatto con il virus. Palladino e colleghi hanno eseguito uno studio mirato a definire come l’epidemia da COVID-19 ha modificato la pratica clinica del Centro nel quale operano. Sono stati confrontati gli andamenti degli esami di agoaspirato eseguiti dal 1 gennaio 2019 al 13 marzo 2020, quelli dal 14 marzo 2020 al 15 maggio e quelli dal 16 maggio al 7 luglio. Il numero totale di esami eseguiti in ogni settimana si è ridotto drasticamente, nei tre periodi, da un massimo di 62.1, prima dell’epidemia da COVID-19, a un minimo di 23.1. Gli endocrinologi del Centro si sono impegnati nel definire le reali priorità da attribuire l’aghiaspirato da eseguire, individuando i noduli che, all’ecografia, avevano mostrato caratteristiche a maggior rischio di malignità. Tale impegno nel periodo dell’isolamento e della limitazione al numero degli esami eseguibili ha fatto sì che, quando si è tornati alla normale operatività, la percentuale di noduli benigni sottoposti ad agoaspirato è risultata ridotta del 12% e quella dell’individuazione di lesioni ad alto rischio di malignità è aumentata del 6%.

Nelle conclusioni, gli autori hanno sottolineato che, applicando protocolli di sicurezza, per prevenire il contagio delle persone da esaminare e degli operatori sanitari, e aumentando la soglia di attenzione verso l’esecuzione solo degli esami realmente necessari, si è riusciti a offrire un adeguato livello di assistenza a chi aveva bisogno dell’agoaspirato per noduli della tiroide.               

Tommaso Sacco

Fonte: Thyroid fine-needle aspiration trends before, during, and after the lockdown: what we have learned so far from the COVID-19 pandemic. Endocrine 2020, Dec 7: 1-6.

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.