Carcinoma della tiroide

Carcinoma della tiroide

Scritto da:
Fondazione Serono

Il carcinoma della tiroide è più frequente nelle donne che negli uomini, è raro nei bambini e si presenta più spesso con l’aumentare dell’età. Fra i fattori che favoriscono lo sviluppo di adenomi e di carcinomi ci sono: la carenza di iodio, la somministrazione a lungo termine di farmaci che promuovono la formazione del gozzo e l’esposizione della tiroide a radiazioni o alla somministrazione di iodio radioattivo. Ad esempio, prima dell’introduzione delle più moderne tecniche di radioterapia, questi trattamenti, spesso somministrati per curare tumori di testa e collo, aumentavano il rischio di sviluppo di carcinoma della tiroide. In alcune casistiche si è rilevata una relazione anche fra tiroidite di Hashimoto, malattia di Graves, gozzo nodulare e cancro della tiroide.

Potrebbe interessarti anche…

La diagnosi di carcinoma della tiroide può essere molto facile, nel caso in cui l’aspetto delle cellule che lo costituiscono sia tipico, ma può essere molto difficile quando la lesione contiene sia cellule alterate, che cellule di aspetto normale. Proprio per la difficoltà di individuare con sicurezza i carcinomi sono stati proposti, e vengono continuamente aggiornati, criteri di diagnosi condivisi dagli esperti in tutti i paesi del mondo.

Sulla base di un’accurata identificazione del carcinoma, delle sue caratteristiche e della diffusione si pianifica la cura. L’asportazione mediante intervento chirurgico è indicata a partire dalle lesioni di piccole dimensioni (inferiore a 1 cm) e ad essa si associano altri approcci, in base allo stadio del carcinoma, fra i quali: radioterapia e chemioterapia. In forme di tumore particolari, definite a basso o medio rischio, sono indicati interventi particolari denominati, rispettivamente, Tiroidectomia Aperta Minimamente Invasiva, in inglese “Minimally Invasive Open Thyroidectomy (MIT)” e Tiroidectomia Minimamente Invasiva Video-Assistita, in inglese Minimally Invasive Video-Assisted Thyroidectomy (MIVAT) (vedere questo link per approfondimenti).

Altre informazioni:

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.