Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Cosa succede se le dosi di levotiroxina non sono adeguate?

Cosa succede se le dosi di levotiroxina non sono adeguate?

Quali sono gli effetti potenzialmente negativi di una dose eccessiva di levotiroxina?

Raccomandazione: gli effetti negativi per la salute di una tireotossicosi iatrogena comprendono la fibrillazione atriale (vedi si seguito) e l’osteoporosi (vedi di seguito). Proprio per questi effetti si raccomanda di evitare dosi eccessive di ormone tiroideo e valori troppo bassi di TSH, in particolare valori di TSH al di sotto di 0.1mIU/L, specialmente nelle persone più anziane e nelle donne in menopausa.

Potrebbe interessarti anche…

Nella discussione a supporto di questa raccomandazione gli autori segnalano che molte persone in cura con levotiroxina ricevono dosi più alte di quelle necessarie. Ad esempio, in uno studio su individui anziani, il 36% di quelli di età superiore a 65 anni aveva un TSH al di sotto del valore minimo della norma, indice dell’assunzione di dosaggi elevati di levotiroxina. Altre ricerche hanno dimostrato che a questi quadri si associa un rischio di alterazione della funzione di cuore e vasi e della struttura del tessuto delle ossa. Il rischio di fibrillazione atriale, una modificazione del ritmo dei battiti cardiaci che può risultare anche grave, era aumentato di tre volte nei soggetti con TSH inferiore a 0.1mIU/L. in soggetti di sesso femminile in menopausa curati con levotiroxina e con livelli di TSH estremamente bassi si è osservato che aumenta il rischio di osteoporosi, un’alterazione delle ossa caratterizzata da ridotto contenuto di calcio. Nelle donne non ancora in menopausa non si è osservato lo stesso effetto.

Quali sono gli effetti potenzialmente negativi di una dose insufficiente di levotiroxina?

Raccomandazione: gli effetti negativi per la salute dovuti a una carenza di ormone tiroideo comprendono alterazioni dei livelli di grassi nel sangue e progressione delle malattie di cuore e vasi. Si raccomanda che i soggetti con ipotiroidismo siano trattati con dosi di levotiroxina adeguate a normalizzare i livelli di TSH, per ridurre o eliminare tali effetti negativi.

Gli autori delle Linee Guida segnalano che la somministrazione di dosi insufficienti di levotiroxina nella cura dell’ipotiroidismo è altrettanto frequente quanto quella di dosi troppo elevate. Questo può essere dovuto a un’inadeguata assunzione della cura prescritta o a un insufficiente controllo nel tempo dei dati di laboratorio che permettono di adattare la dose, oppure a una definizione iniziale della dose non completa. In tutti questi casi si possono rilevare alterazioni dovute a un’insufficiente azione degli ormoni della tiroide su vari organi e tessuti. In particolare gli autori segnalano le alterazioni dei livelli di grassi nel sangue, i danni ai vasi sanguigni dovuti alla deposizione di tali grassi nella parete dei vasi stessi (aterosclerosi) e modificazioni della funzione del cuore. Si aggiunge che spesso l’ipotiroidismo da dose inadeguata di levotiroxina non dà sintomi e segni clinici così evidenti da attirare l’attenzione del malato e del medico ed è per questo che è opportuno effettuare periodici controlli degli esami di laboratorio che possono evidenziare quadri anche lievi di ipotiroidismo da dose inadeguata di levotiroxina.

Vedere anche in Ipotiroidismo:

Tommaso Sacco

Fonte: Guidelines for the treatment of hypothyroidism; Thyroid, 2014, September 29.