Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Pubblicate le Linee Guida sull’anafilassi dell’EACCI

Notizia |time pubblicato il
Pubblicate le Linee Guida sull’anafilassi dell’EACCI

Una delle maggiori esperte di allergia in Italia, Antonella Muraro, è il primo autore dell’articolo che raccoglie le raccomandazioni dell’EACCI (European Academy of Allergy and Clinical Immunology - Accademia Europea di Allergia e di Immunologia Clinica) su prevenzione e trattamento dell’anafilassi. Un’attenzione particolare è dedicata ai trattamenti mirati a prevenire l’anafilassi, come i vaccini antiallergici, e alla diffusione dell’uso degli auto-iniettori di adrenalina.

Nelle Linee Guida si ricorda che la frequenza dell’anafilassi, nella popolazione generale, è dello 0.3% e che comporta un rischio di decessi dello 0.001%. Si tratta quindi di un quadro clinico potenzialmente grave, che dovrebbe essere conosciuto da tutti gli operatori sanitari. A provocarla possono essere cibi, farmaci e veleno di insetti, ma nel 20% dei casi la causa resta ignota. Sono stati individuati fattori che aumentano il rischio di sviluppare una reazione anafilattica nei soggetti allergici, come ad esempio la presenza di asma o di malattie a carico di cuore e vasi sanguigni. Inoltre, essere allergici alle arachidi o alle nocciole aumenta le probabilità di sviluppare una reazione allergica grave. Nell’articolo si forniscono indicazioni circa le cure da somministrare nelle persone che presentano una reazione anafilattica, a cominciare dalla somministrazione di adrenalina per via intramuscolare mediante dispositivi automatici definiti auto-iniettori. Si aggiunge anche che è sempre opportuno chiamare un’autoambulanza, anche se si è stata somministrata adrenalina con l’auto-iniettore. Nella gestione a lungo termine dei soggetti a rischio di anafilassi, gioca un ruolo fondamentale la prevenzione. Per alcuni tipi di allergia, come quelle ai farmaci e agli alimenti, si devono applicare strategie volte a evitare il contatto con gli allergeni, mentre per le forme di allergia al veleno di insetti le Linee Guida raccomandano il ricorso al vaccino antiallergico, che permette di ridurre la reattività del sistema immunitario agli allergeni che possono provocare anafilassi.

Nelle Linee Guida si sottolinea l’importanza dell’educazione delle persone con allergie, e di chi si prende cura di loro nel caso in cui siano bambini, sull’anafilassi, sugli interventi urgenti da porre in atto per trattarla e sugli approcci mirati a prevenirla.

Tommaso Sacco

Fonti: Anaphylaxis: guidelines from the European Academy of Allergy and Clinical Immunology; European Journal of Allergy and Clinical Immunology 2014; 69:1026-1045.

Potrebbe interessarti anche…