Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

L’anafilassi da allergia agli alimenti è gestita secondo le Linee Guida

Notizia|timepubblicato il
L’anafilassi da allergia agli alimenti è gestita secondo le Linee Guida

Un gruppo di esperti statunitensi e canadesi ha descritto i cambiamenti introdotti nei Pronto Soccorso per ottimizzare la gestione dell’anafilassi. È stata rilevata una discreta aderenza alle raccomandazioni delle Linee Guida con ulteriori margini di miglioramenti.

Potrebbe interessarti anche…

Clark e colleghi sono partiti dalla considerazione che, negli ultimi anni, è aumentata di molto la consapevolezza dei rischi associati all’allergia agli alimenti e, in particolare, all’anafilassi come manifestazione più grave di tale allergia. D’altra parte, mancano verifiche del miglioramento della gestione di tale quadro e dell’aderenza dei protocolli di cura alle Linee Guida pubblicate sull’argomento. Per fare chiarezza su tali aspetti, sono stati analizzati i dati di due studi multicentrici retrospettivi, nei quali sono stati presi in considerazione soggetti con reazioni allergiche agli alimenti afferiti a 17 Pronto Soccorso in due periodi: quello dal 1999 al 2001 e quello dal 2013 al 2015. Le visite eseguite per i quadri sopra citati sono state identificate utilizzando i codici usati abitualmente per archiviare questo tipo di informazione. L’anafilassi è stata definita come una reazione allergica che ha coinvolto due o più organi o sistemi o che ha determinato una riduzione patologica della pressione arteriosa. Gli autori hanno confrontato il modo in cui è stato gestito ciascun caso con le raccomandazioni delle Linee Guida riguardanti, in particolare, la somministrazione di adrenalina, la prescrizione di autoiniettori di adrenalina alla dimissione, l’invio a uno specialista allergologo o immunologo e la comunicazione di istruzioni per evitare l’allergene causa della reazione. Il confronto della gestione applicata nei due periodi ha riguardato: 290 persone con anafilassi afferite al Pronto Soccorso fra il 1999 ed il 2001 e 459 fra il 2013 e il 2015. L’uso dell’adrenalina, sia auto-assunta autonomamente con autoiniettori che somministrata al Pronto Soccorso, è aumentata in maniera statisticamente significativa: dal 38% al 56% (p<0.001). Sono risultati più che raddoppiati, sia le prescrizioni di autoiniettori alla dimissione, dal 24% al 54% (p<0.001), sia l’invio a specialisti di riferimento, dal 14% al 24% (p=0.001). Non si sono rilevati miglioramenti altrettanto importanti nell’informazione dei soggetti allergici riguardo a come evitare il contatto con l’allergene: dal 37% al 43% (p=0.08). Il recepimento di tre o più raccomandazioni delle Linee Guida è stato basso in tutti e due i periodi osservati, ma ha mostrato un miglioramento: dal 6% al 23% (p<0.001). Nelle conclusioni, Clark e colleghi segnalano il miglioramento registrato, a 15 anni di distanza, nell’aderenza alle raccomandazioni delle Linee Guida sulla gestione dell’anafilassi. Aggiungono però che restano delle lacune che richiedono opportuni interventi per standardizzare meglio il trattamento.             

Tommaso Sacco

Fonte: Changes in Emergency Department Concordance with Guidelines for the Management of Food-Induced Anaphylaxis: 1999-2001 versus 2013-2015; Journal of Allergy & Clinical Immunology: In Practice, 2019 Apr 8