Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

In cosa consiste l’anafilassi idiopatica?

Notizia |time pubblicato il
In cosa consiste l’anafilassi idiopatica?

Un gruppo internazionale di esperti ha passato in rassegna le conoscenze relative all’anafilassi idiopatica. Si tratta di una forma di anafilassi così definita perché non è possibile identificare la causa che l’ha determinata.

Maria Beatrice Bilò, Professoressa di Allergologia dell’Università di Ancona, insieme ad alcuni altri esperti italiani e britannici ha pubblicato una revisione della letteratura sull’anafilassi idiopatica. Si definisce idiopatica, o spontanea, una forma di anafilassi della quale non è possibile identificare una causa. La frequenza di questo quadro non è nota e i suoi segni e sintomi sono simili a quelli degli altri quadri di anafilassi. Di solito l’anafilassi idiopatica si presenta in forma acuta e può peggiorare in alcuni minuti o in poche ore. I meccanismi che ne provocano lo sviluppo non sono stati del tutto spiegati, vi giocano certamente un ruolo le IgE, ma manca la definizione del fattore che attiva i meccanismi “a cascata” tipici di qualsiasi quadro di anafilassi. Alcuni studi hanno dimostrato che, nelle persone con anafilassi idiopatica, sono presenti concentrazioni elevate di istamina e di suoi metaboliti nelle urine. Inoltre, si rilevano valori di concentrazione nel sangue superiori alla norma della stessa istamina e di un enzima denominato triptasi. Tutte queste evidenze di laboratorio sono indicative di un’attivazione dei mastociti, le cellule che producono l’istamina. Alcune osservazioni hanno indicato che i corticosteroidi riducono frequenza e gravità degli episodi di anafilassi idiopatica, che quindi può essere definita come una forma che risponde a questo tipo di farmaci. Nella revisione della letteratura si citano condizioni e malattie dalle quali l’anafilassi idiopatica deve essere distinta con una opportuna diagnosi differenziale: l’allergia al galattosio-alfa-1,3-galattosio, quella da puntura della zecca del piccione, quella da esercizio fisico cibo-dipendente, quella da Anisakis simplex e le reazioni da alterazioni dei mastociti.   Il galattosio-alfa-1,3-galattosio è un carboidrato contenuto nella carne rossa che può provocare una forma di allergia. La zecca del piccione, denominata anche Argas reflexus, è una zecca che infesta quel tipo di volatile, si può localizzare anche in casa e con il suo morso trasmette sostanze che provocano lesioni alla pelle e reazioni allergiche. L’Anisakis simplex è un parassita presente nell’intestino di alcuni pesci e che, una volta introdotto nell’organismo dell’uomo, può determinare una reazione allergica. Altri quadri dai quali va differenziata l’anafilassi idiopatica sono: forme di asma che simulano anafilassi, attacchi di panico, la Sindrome da carcinoide e il feocromocitoma. Il trattamento d’urgenza dell’anafilassi idiopatica è lo stesso di quello di altre forme di anafilassi e, quindi, si basa sulla somministrazione di adrenalina. La gestione a lungo termine deve essere personalizzata, dipende da frequenza e gravità dei sintomi e si basa su vari farmaci, dagli antistaminici ai corticosteroidi, agli antagonisti dei recettori dei leucotrieni. Si dispone di pochi dati relativi all’impiego dell’omalizumab in questa indicazione.

Nelle conclusioni Bilò e colleghi raccomandano che le persone che hanno manifestato un’anafilassi idiopatica abbiano sempre a disposizione autoiniettori di adrenalina e un programma di gestione del quadro acuto. Ciò è particolarmente importante perché, per ragioni da chiarire, la prognosi di questa forma di anafilassi è in genere favorevole se i soggetti che la presentano sono preparati ad affrontarla e se il suo trattamento acuto è efficace.     

Tommaso Sacco

Fonte: Idiopathic anaphylaxis; Clinical & Experimental Allergy, 2019 Apr 19.                     

Potrebbe interessarti anche…