Consumo di alcol e droghe durante l’isolamento per l’epidemia da COVID-19

Notizia |
Fact checked
Consumo di alcol e droghe durante l’isolamento per l’epidemia da COVID-19

Uno studio eseguito in Italia ha valutato le modificazioni dei consumi di alcol e di droghe durante il periodo di isolamento imposto per contrastare l’epidemia da COVID-19. I risultati hanno indicato che ci sono stati cambiamenti evidenti, con una tendenza a passare all’uso di sostanze più facili da procurare.

Nell’introduzione dell’articolo gli autori hanno ricordato le iniziative messe in atto dal Governo italiano, a partire dal 10 marzo 2020, per contrastare la diffusione dell’epidemia da COVID-19. In tale ambito, sono state imposte misure che hanno ristretto sempre di più i contatti e le attività sociali, fino all’isolamento in casa in tutte le Regioni d’Italia. Gili e colleghi hanno fatto riferimento anche ai problemi mentali diffusi, profondi e prolungati che tali misure possono avere determinato. Sollecitazioni psicologiche e stress sono stati all’origine di ansia, irritabilità, difficoltà nel concentrarsi e nel prendere decisioni. Nelle persone sottoposte a quarantena sono stati segnalati anche sintomi depressivi e insonnia. A tutto questo si può aggiungere un peggioramento delle disponibilità economiche che ha contribuito ad acuire i problemi appena descritti. Queste criticità, secondo gli autori, hanno aumentato il rischio di ricorrere all’alcol e alle droghe, sia da parte di persone che già le consumavano abitualmente, sia da parte di soggetti a rischio di farne uso. A questo proposito, viene citata una ricerca eseguita nel marzo del 2020 negli Stati Uniti, che ha rilevato un aumento del 240% delle vendite in rete di alcol. Gli incrementi sono stati del 75% per i liquori, del 66% per il vino e del 42% per la birra. Purtroppo, però, sono mancati studi che abbiano valutato le modificazioni del consumo di alcol e droghe, specificatamente a seguito dei condizionamenti imposti per contrastare l’epidemia da COVID-19. Gili e colleghi hanno eseguito una ricerca per verificare l’uso di alcol e di droghe in 30 persone che avevano una storia dl consumo di tali sostanze. Come esame di laboratorio è stata impiegata l’analisi del capello, che è in grado di rilevare il consumo di varie droghe e psicofarmaci, nonché dell’alcol. I controlli sono stati eseguiti prima, durante e dopo il confinamento a casa della primavera del 2020. I risultati hanno indicato che il consumo di eroina si è ridotto in maniera statisticamente significativa dal 26.7-30% prima del confinamento al 10% durante (p<0.01), per poi aumentare di nuovo significativamente (p=0.01) fino a un 33% dopo la fine del confinamento, tornando a livelli simili a quelli osservati prima dello stesso.  Per l’ectasy e per la cannabis si è rilevato un andamento del consumo simile a quello dell’eroina, mentre per l’alcol e per le benzodiazepine se ne è osservato uno opposto. Infatti, il consumo di questi ultimi è aumentato durante l’isolamento.               

Nelle conclusioni gli autori hanno evidenziato che il loro studio ha dimostrato, durante il confinamento dovuto al COVID-19, modificazioni dell’uso delle sostanze che provocano abuso e dipendenza. Tali cambiamenti di abitudini sono stati attribuiti alla maggiore facilità nel procurarsi alcune sostanze rispetto ad altre.

Potrebbe interessarti anche…

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.