Le bevande alcoliche, quelle zuccherate, caffè e tè condizionano la salute della bocca

Notizia |
Fact checked
Le bevande alcoliche, quelle zuccherate, caffè e tè condizionano la salute della bocca

Un gruppo internazionale di specialisti, del quale hanno fatto parte anche esperti italiani, ha pubblicato una revisione della letteratura sull’effetto del consumo di varie bevande sulla salute della bocca nella terza età. Le evidenze raccolte hanno indicato che il consumo di bevande alcoliche e di quelle zuccherate si associa a perdita dei denti. L’alcol favorisce anche la comparsa di malattie del parodonto.

La considerazione dalla quale sono partiti gli autori è stata quella che l’associazione fra consumo di bevande e salute dei tessuti della bocca è stata relativamente poco studiata, in particolare nella terza età. Per questo motivo hanno eseguito una revisione sistematica della letteratura, selezionando articoli che riportassero i risultati di ricerche sul rapporto tra l’assunzione di bevande alcoliche e non alcoliche e lo sviluppo di malattie a carico di tali tessuti. Sono state cercate pubblicazioni scientifiche sull’argomento archiviate in sei biblioteche elettroniche, a partire dalla loro creazione, fino al maggio del 2021. Due valutatori indipendenti hanno verificato le caratteristiche di 1308 articoli che erano stati individuati in base a criteri prestabiliti. Questi consistevano nella trattazione dell’associazione fra consumo di bevande alcoliche, latte, caffè, tè e bevande zuccherate da una parte e, dall’altra, lo sviluppo di varie malattie del cavo orale, comprese patologie del parodonto, alterazioni del microbiota della bocca e perdita dei denti, in soggetti di età a partire dai 60 anni. Non sono stati applicati criteri di esclusione riguardanti la modalità di valutazione delle patologie, la il tipo di gestione (ospedaliera o territoriale) delle malattie sviluppate, lo stato generale di salute, il tipo di studio e il Paese dove era stato eseguito. Solo 12 articoli sono risultati rispondenti ai criteri di selezione. Essi riguardavano 16 tipi di bevande. Nelle ricerche nelle quali era stato valutato il consumo di bevande alcoliche, questo era stato espresso sempre come quantità di alcol assunta giornalmente e come tale è stato considerato nell’analisi. La qualità delle evidenze raccolte è stata giudicata di livello moderato per quanto riguardava le ricerche sulle bevande alcoliche e di livello basso o molto basso per gli altri studi. Gli effetti dell’alcol sulla salute della bocca erano disponibili nel 56.25% delle evidenze raccolte in letteratura, per il caffè nel 18.75%, per il latte nel 12.50%, per il tè nel 6.25% e per le bevande zuccherate nel 6.25%. Il consumo delle bevande alcoliche e di quelle zuccherate e quello di caffè è risultato associato a un aumentato rischio di perdita di denti. Quello di caffè e di latte ha avuto un effetto protettivo, correlandosi a una minore frequenza di malattie del parodonto, mentre l’introduzione di bevande alcoliche si è associata a un aumento della comparsa di tali patologie. In uno degli articoli selezionati il tè ha favorito un miglioramento del microbiota della bocca, mentre questo effetto non si è osservato per il caffè.

Nelle conclusioni gli autori hanno evidenziato che i dati disponibili indicano che l’alcol favorisce lo sviluppo di malattie del parodonto e la perdita dei denti nei soggetti sopra i 60 anni. Hanno anche raccomandato l’esecuzione di ulteriori ricerche in questo campo, di qualità più elevata di quelle disponibili.       

Potrebbe interessarti anche…

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.