Immunoterapia specifica

Immunoterapia specifica

Scritto da:
Fondazione Serono

L’Immunoterapia specifica è la “pratica di somministrare quantità crescenti di un estratto di allergene ad un individuo allergico per migliorare i sintomi associati con la successiva esposizione all’allergene che gli provoca una reazione”. In questa definizione è sintetizzato il razionale dell’approccio ed essa spiega anche il motivo per il quale i preparati utilizzati per l’Immunoterapia specifica sono comunemente chiamati vaccini anti-allergici o meglio, come ha proposto l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS): vaccini allergenici. Così come i vaccini che prevengono malattie infettive mettono a contatto l’organismo con un microbo o con sue componenti, per evitare che questo in seguito sviluppi infezioni, ugualmente la somministrazione controllata di molecole allergeniche evita la comparsa di reazioni allergiche o ne riduce l’intensità. La somiglianza peraltro finisce qui, poiché quello che cambia, fra i vaccini anti-infettivi e quelli anti-allergici, sono i meccanismi che permettono di raggiungere l’obiettivo terapeutico.

La storia

L’approccio dell’Immunoterapia specifica è stato utilizzato, in una forma molto più rudimentale di quella applicata oggi, sin dal 1800, ma il primo studio clinico pubblicato risale al 1911, vale a dire più di un secolo fa, tanto che nel 2011 è stato celebrato il “centenario” dell’Immunoterapia specifica. Quelle prime esperienze erano basate su ipotesi scientifiche corrette, e cioè che somministrando estratti di polline si potessero prevenire i sintomi causati dall’inalazione del polline stesso. Erano invece scorretti i presupposti, poiché si pensava che il polline contenesse una sostanza dannosa, cioè una “tossina”, e che in seguito all’inoculazione ripetuta l’organismo producesse una “anti-tossina”, cioè una sostanza in grado di neutralizzarla. Oggi sappiamo che i meccanismi sono ben differenti (vedi oltre) ma il principio resta comunque valido e attuale.

In questa sezione troverete:

 

Potrebbe interessarti anche…

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.