L'esito del danno epatico da alcool: le epatopatie alcooliche

L’esito del danno epatico da alcool: le epatopatie alcooliche

Scritto da:
Fondazione Serono

Le patologie del fegato provocate dall’alcool (epatopatie alcooliche) sono fra le più frequenti cause di malattia e morte in molti paesi sviluppati. Degli oltre cinquanta tipi di malattie e danni associati all’assunzione di bevande alcoliche, quelli del fegato sono i più frequenti (Li 2008). Dati epidemiologici italiani (Strazzabosco 2002) indicano che le diverse malattie epatiche provocate dall’alcool hanno un’incidenza variabile, ma comunque elevata: steatosi 10-91%, epatite 6-30%, steato-fibrosi con cirrosi 12-58%. Inoltre, l’alcool è la causa del 25-30% di tutti i casi di cirrosi. L’ampio intervallo di variabilità  della frequenza delle epatopatie da alcool è da attribuirsi all’influenza che hanno sull’analisi la selezione della casistica ed i metodi di diagnosi. Diverso è, ad esempio, valutare l’incidenza di epatopatie alcooliche in una popolazione nella quale i bevitori sono il 20, il 50 o il 70%.

Potrebbe interessarti anche…

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.