MENU SEZIONE

La preservazione della fertilità

La maternità dopo il cancro

La maternità dopo il cancro

17 ottobre 2013
Il numero di persone che si ammalano di cancro è in costante aumento, ma grazie ai programmi di prevenzione e diagnosi precoce, come pure alle nuove terapie antitumorali, sono sempre di più coloro che guariscono o che convivono a lungo con la malattia. Quando ad ammalarsi sono i bambini o i giovani adulti, gli aspetti [...]

Leggi Tutto
Come si può preservare la fertilità?

Come si può preservare la fertilità?

17 luglio 2013
Le strategie disponibili per preservare la fertilità prima di affrontare i trattamenti antitumorali sono: protezione farmacologica mediante analoghi del GnRH; congelamento degli embrioni; congelamento degli ovociti; congelamento del tessuto ovarico; chirurgia di conservazione della fertilità. La scelta dipende da diversi fattori: il tipo di tumore, il tipo di chemioterapia e il tempo a disposizione prima [...]

Leggi Tutto
La gravidanza dopo il cancro

La gravidanza dopo il cancro

17 luglio 2013
In termini generali, affrontare una gravidanza dopo il cancro non aumenta il rischio di recidiva, ma ciascun caso va valutato singolarmente, tenendo conto del tipo di tumore, delle terapie somministrate, dell’età e delle condizioni cliniche della paziente. In generale è consigliabile attendere almeno uno o due anni dalla fine dei trattamenti prima di pensare al [...]

Leggi Tutto
Quali sono i rischi per la salute del bambino dopo i trattamenti antitumorali?

Quali sono i rischi per la salute del bambino dopo i trattamenti antitumorali?

17 luglio 2013
Le terapie antitumorali ricevute dalla madre prima del concepimento non sembrano avere ripercussioni negative sullo sviluppo e sulla salute del bambino, né sull’esito del parto. Ciò vale per la chemioterapia e l’ormonoterapia, mentre la di aborto spontaneo, parto prematuro, anomalie della placenta e basso peso alla nascita. La gravidanza deve quindi essere seguita con particolare [...]

Leggi Tutto
La diagnosi di un tumore in gravidanza

La diagnosi di un tumore in gravidanza

17 luglio 2013
La diagnosi di un tumore in gravidanza (prima diagnosi o recidiva o progressione di un precedente tumore) richiede una strategia integrata da parte di un’équipe multidisciplinare che comprende un chirurgo, un oncologo, un ginecologo, un neonatologo e uno psicologo. I casi più frequenti riguardano soprattutto i tumori della mammella. Se la diagnosi è formulata nel [...]

Leggi Tutto
La scelta dell’adozione dopo il cancro

La scelta dell’adozione dopo il cancro

17 luglio 2013
L’adozione è una scelta perseguibile anche per la donna che ha avuto un tumore. E benché ogni caso debba essere valutato singolarmente, in generale non vi sono impedimenti legittimi o etici, e anche in Italia vi sono donne, ma anche uomini, diventati genitori adottivi dopo una storia di cancro. Intendendo la salute come ‘lo stato [...]

Leggi Tutto
L’importanza di una corretta informazione

L’importanza di una corretta informazione

17 luglio 2013
È importante che la paziente sia adeguatamente informata, fin dal momento della diagnosi, sul rischio che  i trattamenti compromettano la capacità riproduttiva, sulla durata di quest’effetto e sulla possibilità che sia permanente, sul tempo d’insorgenza del problema. Solo ricevendo informazioni corrette e tempestive può compiere scelte adeguate per preservare la fertilità. I medici - in [...]

Leggi Tutto

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI