MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Uno Studio valuterà l’effetto del cioccolato sulla Sclerosi Multipla

Notizia

PUBBLICATO

Uno Studio valuterà l’effetto del cioccolato sulla Sclerosi Multipla

Un team di ricercatori dell’Università di Oxford Brookes riceverà circa €100.000 per valutare se il cioccolato può aiutare a ridurre i sintomi della Sclerosi Multipla.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Lo Studio, che è finanziato dalla MS Society, valuterà se un composto trovato nel cioccolato può aiutare a ridurre la stanchezza, uno dei più comuni sintomi della patologia, nelle persone con sclerosi multipla.

La Dottoressa Shelly Coe, Docente di Nutrizione alla Oxford Brookes e ricercatore capo per la sperimentazione ha commentato: “Il cioccolato fondente è generalmente visto come un cibo che fa male, ma al suo interno possiede cose buone – inclusi i flavonoidi. Abbiamo percorso l’idea di questa sperimentazione proponendola a molte persone, inclusi i gruppi di supporto per la SM e i medici, e a loro è veramente piaciuta”.

Nello studio i ricercatori utilizzeranno cioccolato caldo ricco di flavonoidi. I flavonoidi sono un gruppo di composti che si trovano in molti alimenti a base vegetale, incluso il cioccolato fondente con livelli di cacao oltre il 70 per cento.

Si pensa che questi aiutino a ridurre l’infiammazione e il danno causato dalle molecole dannose che possono essere collegate con la stanchezza.

“Valuteremo l’impatto dei flavonoidi del cacao sull’infiammazione e il ruolo che giocano sulla stanchezza”, ha continuato la Dott.ssa Coe. “Non c’è cura per la stanchezza nelle persone con sclerosi multipla, sebbene la maggior parte provi questo sintomo”.

A 40 persone con sclerosi multipla in forma recidivante verrà dato giornalmente cioccolato caldo per più di sei settimane – la metà riceverà una bevanda al cacao ricco di flavonoidi e gli altri riceveranno una bevanda al cacao con bassi livelli di flavonoidi.

La Dottoressa Emma Gray, Capo dei Test Clinici alla MS Society ha detto: “Siamo felici di supportare questo progetto poiché è stravagante e insolito, ma in fondo basato su solide prove scientifiche. Alla MS Society vogliamo esplorare modi creativi per aiutare le persone con sclerosi multipla a gestire la loro condizione e siamo impazienti di vedere gli sviluppi dello studio. “

I partecipanti allo studio compileranno questionari in merito ai loro livelli di stanchezza, parteciperanno al test del cammino e forniranno campioni di sangue in modo che i ricercatori possano verificare la presenza di segni di infiammazione. Indosseranno inoltre accelerometri, orologi che monitoreranno i livelli della loro attività.

Carlotta Palomba & Simon Basten

Fonte: Oxford Brookes University