MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Speciale Ectrims: Fumo e sclerosi multipla

Speciale

PUBBLICATO

Speciale Ectrims: Fumo e sclerosi multipla

Continuiamo il nostro focus sui lavori proposti al Congresso del Comitato Europeo per il Trattamento e la Ricerca nella Sclerosi Multipla (European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis: ECTRIMS) che si è svolto dal 10 al 13 settembre a Boston (USA).

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Nella prima parte abbiamo parlato di peso e la sclerosi multipla. Questa seconda parte si occupa di uno studio, eseguito in Norvegia, che ha preso in considerazione gli effetti del fumo sull’attività della sclerosi multipla rilevabile con la risonanza magnetica.

Fumo e sclerosi multipla

Gli autori sono partiti dalla considerazione che altre ricerche avevano dimostrato un effetto negativo del fumo sull’evoluzione della malattia. Sono stati valutati 87 malati di sclerosi multipla recidivante remittente, seguiti per due anni. Non si è rilevata alcuna relazione fra fumo e attività della malattia, valutata su base clinica e con la risonanza magnetica. Secondo gli autori, questo suggerirebbe che l’abitudine al fumo non influenza direttamente lo sviluppo delle lesioni rilevabili con questo esame strumentale o considerando la frequenza delle recidive. Essi aggiungono che il fumo potrebbe influenzare negativamente il rischio di sviluppo della sclerosi multipla e la sua evoluzione attraverso altri meccanismi. Ricercatori portoghesi hanno studiato la relazione fra abitudine al fumo ed evoluzione della sclerosi multipla su 120 malati. Hanno rilevato che la comparsa della malattia è stata più precoce negli individui che fumavano regolarmente nel momento in cui essa si è presentata e che gli effetti del fumo sul decorso della malattia sembrano diventare significativi nei suoi stadi più avanzati. Essi hanno interpretato queste evidenze ipotizzando che il fumo contribuisca, in qualche modo, allo sviluppo della sclerosi multipla e che, nei malati fumatori, provochi effetti ritardati, per un accumulo nel tempo di sostanze tossiche derivate dal fumo stesso.

Tommaso Sacco

Fonte: Ectrims-Actrims 2014

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI