MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Sclerosi multipla e stress lavorativo

Notizia

PUBBLICATO

Sclerosi multipla e stress lavorativo

Secondo un recente studio italiano, alcune caratteristiche della personalità dei malati di sclerosi multipla potrebbero predisporre a maggiori difficoltà in ambito lavorativo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La sclerosi multipla causa numerosi sintomi sia di tipo fisico che neurologico e psicologico. Dal punto di vista neurologico, la malattia è spesso associata ad alterazioni nelle funzioni cognitive, mentre dal punto di vista fisico chi ne soffre va incontro a difficoltà nei movimenti e a limitazioni in alcune attività. Oltre che nella vita di tutti i giorni, questi aspetti possono causare al malato difficoltà anche nel lavoro, che possono poi tradursi nella perdita del lavoro.

Si tratta di un aspetto non secondario in questa malattia: considerando che spesso essa viene diagnosticata in giovani adulti, è evidente che il lavoro rappresenta una componente fondamentale della loro vita quotidiana.

Molti studi hanno indagato la relazione fra sclerosi multipla e stress, ma non sono disponibili dati relativi allo stress occupazionale nei soggetti affetti da questa malattia.

Incerti e collaboratori hanno condotto uno studio mirato a verificare se ci sono caratteristiche specifiche della personalità del malato di sclerosi multipla che possano renderlo più sensibile allo stress da lavoro.

L’indagine ha coinvolto 26 soggetti nei quali sono stati valutati sintomi fisici e psicologici, tono dell’umore, astenia e caratteristiche della personalità. È stato misurato anche un indicatore specifico dello stress da lavoro denominato in inglese OSI, Occupational Stress Indicator. Infine sono state cercate relazioni fra i risultati ottenuti dalle diverse valutazioni. Si è visto che le correlazioni più strette erano tra elevato stress da lavoro e la tendenza di alcuni soggetti ad avere un umore instabile e un’aumentata sensibilità alle emozioni. Anche i soggetti classificati come introversi, cioè quelli maggiormente portati a chiudersi in se stessi, risultavano più a rischio di sviluppare stress da lavoro.

Va premesso che un malato di sclerosi multipla è sottoposto, dal momento della diagnosi, a una pressione psicologica che giustifica lo sviluppo di caratteristiche della personalità quali quelle rilevate nei soggetti più a rischio di stress da lavoro. I risultati dello studio sono importanti perché suggeriscono di individuare il più precocemente possibile tali caratteristiche, per fornire ai malati il supporto più adatto a evitare o minimizzare lo stress da lavoro.

Testi a cura della redazione scientifica Editamed

Fonte: Occupational stress and personality traits in multiple sclerosis: A preliminary study; Multiple Sclerosis and Related Disorders, 2015 Jul;4(4):315-9

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI