Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Sclerosi multipla: i rischi attribuibili all’esposizione ai solventi

Notizia |time pubblicato il
Sclerosi multipla: i rischi attribuibili all’esposizione ai solventi

Un gruppo di autori svedesi ha valutato il possibile effetto dell’esposizione a solventi organici sul rischio di sviluppare la sclerosi multipla. I risultati ottenuti suggeriscono che il rischio aumenti di circa il 50%.

Potrebbe interessarti anche…

Hedström e colleghi sono partiti dall’ipotesi che differenti fattori di irritazione dei polmoni possano contribuire a indurre una reazione immunitaria, nei polmoni stessi, che si traduca nello sviluppo della sclerosi multipla. Il tutto in persone con una predisposizione individuale. Con queste premesse hanno valutato l’effetto dell’esposizione ai solventi definiti organici sul rischio di sviluppare sclerosi multipla e sull’eventuale rapporto fra la suddetta esposizione e il tipo di geni che regola il sistema HLA presenti nell’individuo. Il termine solvente identifica qualsiasi sostanza capace di sciogliere altre sostanze, senza modificarne la struttura chimica. Sono solventi organici quelli che sciolgono molecole organiche. I solventi organici sono utilizzati in molti campi, come la produzione di vernici, fibre per tessuti, grassi, esplosivi e profumi. In un ampio archivio di dati svedese, comprendente 2042 casi di sclerosi multipla e 2947 soggetti non malati confrontabili per le altre caratteristiche, sono stati analizzati: caratteristiche genetiche, abitudini al fumo, esposizione a solventi organici e frequenza di sviluppo della sclerosi multipla. Complessivamente l’esposizione ai solventi organici si è associata a un aumento del 50% del rischio di sviluppare la sclerosi multipla (rapporto di probabilità 1.5, 95% IC: 1.2-1.8, p=0.0004). L’aumento del rischio è risultato statisticamente significativo. Analizzando altre caratteristiche dei soggetti, si è osservato che l’esposizione ai solventi organici, l’abitudine al fumo e la predisposizione genetica hanno determinato un effetto sinergico nell’aumentare il rischio.

Nelle conclusioni gli autori propongono un’ipotesi di meccanismo per giustificare le evidenze epidemiologiche raccolte. L’esposizione ai solventi organici e il fumo, singolarmente o in combinazione, determinerebbero un’infiammazione nei polmoni che, nelle persone con una predisposizione genetica che coinvolge il sistema HLA, si tradurrebbe nello sviluppo della sclerosi multipla. Ulteriori studi su ampie casistiche dovranno confermare questi riscontri.

Tommaso Sacco

Fonte: Organic solvents and MS susceptibility: Interaction with MS risk HLA genes; Neurology, 2018 Jul 3.