MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Sclerosi multipla: il riconoscimento della disabilità legata alla malattia è più facile grazie a un documento di AISM e INPS

PUBBLICATO

Sclerosi multipla: il riconoscimento della disabilità legata alla malattia è più facile grazie a un documento di AISM e INPS

Buone notizie per le persone affette da Sclerosi Multipla. L’INPS ha diffuso una comunicazione relativa all’accertamento degli stati invalidanti correlati alla sclerosi multipla. Il testo è stato redatto in collaborazione con l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM) e sarà molto importante per la valutazione della disabilità nell’ambito della medicina legale e per il riconoscimento dello stato di handicap.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La sclerosi multipla, come si legge nella carta AISM, è “una patologia complessa da cui derivano infermità plurime, con la conseguente necessità di considerare l’insieme dei disturbi e menomazioni associati ai diversi quadri della patologia, spesso di difficile valutazione quali la fatica e il dolore neuropatico”. Ai fini della 104, la legge quadro relativa all’handicap, con il documento redatto dall’AISM e dall’Inps sarà più facile riconoscere la SM a livello di medicina legale.

La comunicazione scritta lo scorso gennaio si unisce a un altro documento pubblicato dall’INPS: le linee guida per l’accertamento degli stati invalidanti, strumento fondamentale per i medici legali per la valutazione di (eventuali) invalidità civili. Nella Carta vengono sottolineati gli effetti collaterali differenti legati alla somministrazione dei diversi farmaci, i disturbi cognitivi e agli arti, problemi che prima di questo testo venivano ignorati. Le linee guida rappresentano un primo riconoscimento della sclerosi multipla per quanto riguarda la medicina legale: grazie a questa carta sarà più facile per i professionisti di questo settore valutare i vari sintomi e gli effetti che la SM ha sui malati.

L’AISM, come recita sulla sua pagina Web continuerà a seguire l’iter della carta affinché venga seguita dai medici legali e per raggiungere questo scopo l’associazione si farà carico anche di organizzare corsi di formazione per tutti gli interessati. Anche se ancora ci sarà del lavoro da fare, è un primo passo importante per tutti i coloro i quali sono affetti da sclerosi multipla.

Chiara Laganà

Fonte: AISM