MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Sclerosi Multipla Remittente-Remissiva: ha un decorso peggiore se associata all'epilessia?

Notizia

PUBBLICATO

Sclerosi Multipla Remittente-Remissiva: ha un decorso peggiore se associata all'epilessia?

È risaputo che l'epilessia è più frequente nei pazienti con Sclerosi Multipla, rispetto alla popolazione generale. Gli attacchi epilettici sono spesso la prima e a volte l'unica manifestazione della sclerosi multipla . Studi precedenti hanno mostrato che le persone con Sclerosi Multipla Remissiva Remittente (SMRR) associata a epilessia hanno lesioni corticali (lesioni della corteccia cerebrale) in numero maggiore e di volume superiore di rispetto a persone con SMRR, di pari età  e sesso, senza epilessia. Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori italiani ha analizzato l'evoluzione della sclerosi multipla e i dati di risonanza magnetica cerebrale in pazienti con SMRR con e senza epilessia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

L'epilessia è una malattia del sistema nervoso caratterizzata da con episodi di perdita di coscienza e convulsioni.

La SMRR è una forma di malattia in cui si verifica un'alternanza fra fasi acute (recidive), nelle quali si presentano nuovi sintomi, e fasi di remissione, in cui i sintomi scompaiono, ma possono residuare conseguenze, in termini di disabilità , della fase di acuzie e la malattia può comunque progredire.

Lo studio, durato tre anni, ha valutato 32 pazienti con SMRR associata a epilessia e 60 pazienti con SMRR senza epilessia. Tutti, all'inizio e al termine dello studio, sono stati sottoposti ai seguenti esami e controlli: risonanza magnetica cerebrale, per valutare presenza e numero di lesioni corticali, spessore della corteccia cerebrale, stato della materia grigia, quantificazione del punteggio della scala EDSS, esame obiettivo neurologico e valutazione della funzione cognitiva. L' EDSS (Expanded Disability Status Scale- Scala Espansa dello Stato di Disabilità ), è una scala che valuta le condizioni dei malati in base al grado di capacità  di svolgere normali attività  come la deambulazione,

Analizzando i risultati, è emerso che la risonanza magnetica eseguita all'inizio dello studio ha evidenziato lesioni corticali in 27 pazienti con epilessia e in 26 pazienti senza epilessia. Inoltre, nei pazienti con epilessia, rispetto agli altri, il numero e il volume delle lesioni corticali erano maggiori, lo spessore corticale globale ridotto e il declino cognitivo più accentuato.

I controlli eseguiti al termine dello studio hanno mostrato che, nei pazienti con epilessia, si erano verificati un accumulo di nuove lesioni corticali, una perdita di materia grigia e un declino cognitivo maggiori rispetto ai pazienti senza epilessia. Inoltre, negli individui con epilessia, rispetto agli altri, il punteggio della scala EDSS è stato più alto e quindi peggiore. Le differenze sono state più marcate nel sesso maschile che in quello femminile.

Gli autori hanno concluso che, in questa casistica, i pazienti con SMRR associata a epilessia hanno avuto una più rapida e grave evoluzione della patologia corticale, un declino cognitivo più marcato e un grado di disabilità  superiore rispetto ai pazienti con SMRR senza epilessia. Serviranno studi futuri per chiarire meglio il legame fra epilessia ed evoluzione della Sclerosi Multipla.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: Cortical pathology in multiple sclerosis patients with epilepsy: a 3 year longitudinal study; Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry 2012;83:49-54.

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI