MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Sclerosi multipla recidivante remittente: quali gli effetti di una cura a base di un'alta dose di ciclofosfamide seguita da una cura a base di glatiramer acetato?

Notizia

PUBBLICATO

Sclerosi multipla recidivante remittente: quali gli effetti di una cura a base di un'alta dose di ciclofosfamide seguita da una cura a base di glatiramer acetato?

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori statunitensi ha indagato efficacia e sicurezza di una cura a base di ciclofosfamide ad alte dosi seguita dalla somministrazione di glatiramer acetato in un gruppo di pazienti con sclerosi multipla recidivante remittente.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La sclerosi multipla è una malattia cronica del sistema nervoso centrale. È causata da un anomalo funzionamento del sistema immunitario, il naturale apparato di difesa dell'organismo che, invece di attivarsi verso agenti estranei e nocivi come accade normalmente, nella sclerosi multipla attacca la mielina, la sostanza di rivestimento delle fibre nervose.

La sclerosi multipla recidivante remittente è una forma di malattia in cui si verifica un'alternanza fra fasi acute (recidive), nelle quali si presentano nuovi sintomi, e fasi di remissione, in cui i sintomi scompaiono, ma possono residuare conseguenze della fase di acuzie, in termini di disabilità .

La ciclosfamide è un farmaco immunosoppressore usato in varie indicazioni fra le quali la sclerosi multipla: agisce riducendo l'azione del sistema immunitario.

Anche il glatiramer acetato è un farmaco usato nella cura della sclerosi multipla: agisce ostacolando il processo alla base della patologia, ossi la distruzione della mielina da parte del sistema immunitario.

In studi precedenti, la somministrazione di un'alta dose di ciclosfamide ha migliorato il decorso della sclerosi multipla, diminuendo il numero di recidive. Gli effetti a lungo termine di questa terapia d'attacco seguita da una cura "di mantenimento", però, non sono mai stati esplorati.

Lo studio ha riguardato 32 pazienti con sclerosi multipla recidivante remittente, dei quali si avevano a disposizione dati ed esami passati precedenti all'inizio dello studio. Tutti sono trattati con un'alta dose di ciclosfamide (200 milligrammi per chilo corporeo di farmaco infuso per via intravenosa nell'arco di quattro giorni), seguita da una cura con glatiramer acetato. I partecipanti sono stati seguiti per un minimo di due anni e sottoposti a una serie di controlli ed esami.

Analizzando i risultati, gli autori hanno scoperto che la frequenza annua di recidive si è abbassata dopo il trattamento: nei due anni precedenti la cura era 1,37 recidive/anno, a distanza di 14 mesi dall'inizio della cura era sceso a 0,27 recidive/anno. Inoltre, è emerso che anche il numero di lesioni cerebrali si è ridotto: all'inizio dello studio era in media di 0,86, dopo 12 mesi era 0 e dopo 15-24 mesi 0,08. Nel 55% dei pazienti non si sono avute evidenze di attività  di malattia nei 24 mesi successi al termine della ricerca. Nel 47% dei pazienti sono comparse complicanze infettive transitorie e nell'84% nausea e vomito. Non si è registrata alcun caso di decesso.

Gli autori hanno concluso che, in questa casistica, una trattamento a base di di ciclofosfamide ad alte dosi seguita da una cura a base di glatiramer acetato è stata ben tollerata ed è sembrata efficace nel ridurre il rischio di recidiva e la comparsa di nuove lesioni cerebrali nei pazienti con sclerosi multipla. Studi condotti su casistiche più ampie aiuteranno a definire l'efficacia di schemi di trattamento di questo tipo, con una fase di attacco con farmaci più aggressivi e un proseguimento con interferone o glatiramer acetato finalizzato a "mantenere" nel tempo la remissione della malattia.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: Treatment of relapsing remitting multiple sclerosis with high dose cyclophosphamide induction followed by glatiramer actetate maintenance; Multiple Sclerosis, August 24 2011

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI