MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Sclerosi multipla: le infusioni di rituximab possono provocare effetti collaterali?

Notizia

PUBBLICATO

Sclerosi multipla: le infusioni di rituximab possono provocare effetti collaterali?

Uno studio retrospettivo (basato sull'analisi di dati raccolti in precedenza) condotto da un gruppo di ricercatori statunitensi ha valutato gli effetti collaterali della somministrazione di rituximab in un gruppo di pazienti con sclerosi multipla.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Rituximab è un farmaco approvato per la cura di alcune forme di artrite reumatoide (malattia infiammatoria cronica principalmente a carico delle articolazioni) e di linfoma non-Hodgkin (un tumore che prende origine dalle ghiandole linfatiche). Esso viene usato in ricerca anche nel trattamento di molte malattie autoimmuni, tra cui la sclerosi multipla. Rituximab agisce distruggendo e rimuovendo dal sistema circolatorio i linfociti B, cellule del sistema immunitario coinvolte nello sviluppo della sclerosi multipla. Si somministra tramite infusione in vena. L'incidenza di effetti collaterali dell'infusione di rituximab è elevata. Essi variano per tipologia e gravità , da quelli lievi come il prurito, a quelli più gravi, come reazioni anafilattiche acute (shock anafilattico).

Gli autori hanno esaminato le cartelle cliniche di 70 pazienti con sclerosi multipla che fra il 20 novembre 2007 e il 24 novembre 2009 avevano ricevuto infusioni di rituximab. Dall'analisi dei risultati è emerso che il 25,7% aveva manifestato effetti collaterali associati all'uso del farmaco. Le reazioni si sono verificate più comunemente dopo la prima infusione. La maggior parte dei pazienti, dopo un trattamento adeguato della reazione (con corticosteroidi), è stata in grado di completare l'infusione e gran parte di loro aveva continuato a ricevere dosi successive senza ulteriori reazioni effetti collaterali.

I ricercatori hanno concluso che, in questa casistica, le reazioni associate all'infusione di rituximab in pazienti con sclerosi multipla sono state abbastanza comuni, tuttavia, la somministrazione di farmaci corticosteroidi prima o durante il trattamento ha ridotto in modo significativo la loro gravità.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: Incidence of Infusion-Associated Reactions with Rituximab for Treating Multiple Sclerosis: A Retrospective Analysis of Patients Treated at a US Centre; Drug Safety 2011 Feb 1;34(2):117-23.

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI