MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Sclerosi multipla: gli interventi psicologici possono essere utili per migliorare i sintomi della malattia

Notizia

PUBBLICATO

Sclerosi multipla: gli interventi psicologici possono essere utili per migliorare i sintomi della malattia

Da un recente studio italiano emerge che gli interventi di tipo psicologico sono utili per migliorare il benessere mentale e fisico delle persone con sclerosi multipla.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La diagnosi di sclerosi multipla ha spesso un effetto profondo sul malato, con conseguenze a livello psicologico e delle relazioni sociali. Le ragioni possono essere varie: la malattia spesso colpisce persone giovani, ha un decorso non del tutto prevedibile e può influenzare il modo in cui il malato percepisce le proprie capacità e le prospettive di vita. Egli deve, infatti, far fronte al timore che il peggioramento delle sue funzioni fisiche gli impedisca di svolgere le normali attività della vita quotidiana, interferendo con i rapporti sociali, con il lavoro e con la vita famigliare. Questi timori possono, a loro volta, favorire la comparsa di depressione o di ansia.

Un gruppo di ricercatori italiani ha condotto un’analisi della letteratura per verificare l’utilità degli interventi di tipo psicologico nei malati di sclerosi multipla. Con “interventi di tipo psicologico” si intendono quei trattamenti, condotti da psicologi con esperienza specifica nella sclerosi multipla, che hanno come obiettivo quello di guidare il soggetto a comprendere e gestire meglio le proprie emozioni e i propri comportamenti nei confronti della malattia.

La ricerca ha esaminato 220 articoli, di cui 22 avevano caratteristiche tali da essere inclusi nello studio, per un totale di 5705 soggetti con sclerosi multipla. Ne è emerso che, in generale, gli interventi di tipo psicologico producono un miglioramento nella vita dei malati, riducendo i sintomi della depressione e dell’ansia. Inoltre, sembrano avere effetti positivi su alcuni dei sintomi fisici della malattia, quali l’astenia, le alterazioni del sonno e il dolore.

Questi risultati indicano che gli interventi psicologici possono avere un ampio potenziale di uso per migliorare la vita delle persone con sclerosi multipla. Questo potenziale è stato fino ad ora poco sfruttato; gli Autori auspicano, pertanto, che studi futuri possano valutare gli interventi psicologici più efficaci, per poi applicarli nella pratica quotidiana.

Testi a cura della redazione scientifica Editamed

Fonte: Symptom changes in multiple sclerosis following psychological interventions: a systematic review; BMC Neurology 2014;14:222

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI