MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Sclerosi multipla: è più a rischio chi ha affrontato pesanti turni di lavoro in giovane età ?

Notizia

PUBBLICATO

Sclerosi multipla: è più a rischio chi ha affrontato pesanti turni di lavoro in giovane età ?

La Sclerosi Multipla è una malattia infiammatoria cronica legata a una disfunzione del sistema immunitario, le cause della quale non sono ancora completamente conosciute. Sicuramente nel suo sviluppo intervengono fattori genetici e ambientali. Alcuni di questi fattori sono noti, come la carenza di vitamina D o il fumo, mentre altri sono ancora oggetto di studio.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori svedesi ha valutato la possibile associazione fra turni di lavoro pesanti e rischio di sclerosi multipla, mai valutata in precedenza.

Lo studio si è basato sui dati di due precedenti ricerche, che hanno riguardato in totale 6.472 soggetti con sclerosi multipla e 7.409 individui sani e che hanno analizzato il tipo di lavoro che essi svolgevano. Gli studiosi hanno esaminato l'incidenza di sclerosi multipla fra le persone che avevano svolto per un certo periodo della loro vita un lavoro che prevedeva turni di notte e fra quelle che non avevano mai fatto i turni. Hanno così scoperto che c'era un'associazione significativa fra turni di lavoro notturno in età  giovanile e comparsa di sclerosi multipla. In particolare, i più a rischio di sclerosi multipla sono risultati i soggetti che avevano svolto un lavoro con turni di notte per almeno tre anni prima dei 20 anni. Il rischio di sclerosi multipla, invece, era più basso nelle persone che non avevano mai fatto turni di questo tipo.

Il meccanismo che potrebbe legare turni di notte e insorgenza della sclerosi multipla non è ancora chiaro. I ricercatori hanno ipotizzato che il lavoro notturno, la perdita di ore di riposo notturno e l'innaturale sfasamento del ritmo circadiano, basato sul ciclo sonno-veglia, possano comportare una disfunzione nella produzione di melatonina (un ormone che contribuisce a regolare il sonno) e un aumento della risposta infiammatoria dell'organismo, considerati due fattori che promuovono la sclerosi multipla. Studi futuri aiuteranno a chiarire se e come il lavoro a turni possa influire sul rischio di Sclerosi Multipla.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: Shift work at young age is associated with increased risk for multiple sclerosis; Annals of Neurology, Volume 70, Issue 5, pages 733-741, November 2011

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI