Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Proposto un nuovo sottotipo di sclerosi multipla sulla base della distribuzione delle lesioni

Notizia |time pubblicato il
Proposto un nuovo sottotipo di sclerosi multipla sulla base della distribuzione delle lesioni

Un gruppo di ricercatori degli Stati Uniti ha valutato la distribuzione delle lesioni della sclerosi multipla nelle varie aree del sistema nervoso centrale e ha concluso che esiste un quadro specifico nel quale il danno si localizza solo al midollo e alla corteccia cerebrale e non alla materia bianca del cervello e ha proposto di definirlo “mielocorticale”.

Potrebbe interessarti anche…

Si ritiene che la demielinizzazione a carico della materia bianca del cervello sia causa della degenerazione dei neuroni e dello sviluppo della disabilità stabilizzata che si presenta nelle persone con la sclerosi multipla. D’altra parte, riscontri raccolti con la risonanza magnetica hanno indicato che demielinizzazione e degenerazione dei neuroni si possono presentare indipendentemente l’una dall’altra. Gli autori hanno eseguito analisi accurate su organi raccolti nel corso di autopsie di 100 malati di sclerosi multipla deceduti fra il 1998 e il 2012. In 12 di questi casi si è rilevata una distribuzione delle lesioni a carico della corteccia cerebrale e del midollo spinale, senza alcun interessamento della materia bianca cerebrale. Questa forma di sclerosi multipla è stata definita mielocorticale e le evidenze ad essa relative sono state confrontate con quelle rilevate in 12 casi di sclerosi multipla con distribuzione tipica delle lesioni. L’area di demielinizzazione a livello della corteccia cerebrale si è presentata simile (p=0.5512), sia nella forma tipica [mediana 9.74% (differenza interquartile 1.35–19.50)] che in quella mielocorticale: (mediana 4.45% [differenza interquartile 2.54–10.81]. Invece, l’area di demielinizzazione nel midollo spinale è stata significativamente maggiore (p=0.0083) nella sclerosi multipla tipica [mediana 13.81% (differenza interquartile 6.51–29.01)], rispetto a quella mielocorticale [mediana 3.81% (differenza interquartile 1.72–7.42)].

Sulla base delle evidenze raccolte, Trapp e colleghi hanno proposto di definire come sottotipo di sclerosi multipla la forma mielocorticale, caratterizzata da demielinizzazione a carico del midollo spinale e della corteccia cerebrale. Inoltre, hanno confermato che la perdita dei neuroni della corteccia può essere, almeno in questa forma, un evento patologico che non coinvolge la demielinizzazione nella materia bianca cerebrale. Hanno infine raccomandato che studi futuri valutino i meccanismi che determinano le alterazioni specifiche della sclerosi multipla mielocorticale.

Tommaso Sacco

Fonte: Cortical neuronal densities and cerebral white matter demyelination in multiple sclerosis: a retrospective study; The Lancet Neurology, August 21, 2018.