MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Interferone beta e glatiramer acetato hanno un buon rapporto fra costo ed efficacia

Notizia

PUBBLICATO

Interferone beta e glatiramer acetato hanno un buon rapporto fra costo ed efficacia

Nel 2002 un Istituto Britannico che valuta il rapporto fra costo ed efficacia dei farmaci stabilì che interferone beta e glatiramer acetato sarebbero stati considerati efficaci, rispetto al costo, se avessero dimostrato vantaggi sull’andamento della disabilità a lungo termine nella sclerosi multipla recidivante remittente. Dati appena pubblicati confermano che questi trattamenti raggiungono l’obiettivo proposto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

In Gran Bretagna l’Istituto Nazionale per l’Eccellenza Clinica (in inglese: National Institute for Clinical Excellence: NICE), nel 2002 stabilì che due farmaci ampiamente usati nella sclerosi multipla come “Trattamenti che Modificano la Malattia” (in inglese: Disease-Modifying Therapies: DMTs) potevano essere considerati efficaci, rispetto al loro costo, solo se avessero dimostrato di mantenere, nel breve termine, benefici sull’all’andamento della disabilità. Si decise di applicare uno specifico criterio di misurazione dell’andamento della disabilità e si stabilì un criterio di valore del costo della cura in rapporto, oltre che all’evoluzione della disabilità, anche alla qualità della vita. Per misurare i vantaggi delle cure si è usato, come gruppo di confronto, una casistica canadese di persone con sclerosi multipla non trattate. I metodi impiegati per il confronto fra le due popolazioni sono stati molto raffinati e complessi, come da sempre richiesto dal NICE.

Le persone con sclerosi multipla trattate con interferone beta e glatiramer acetato, incluse nell’analisi sono state 4137, mentre il gruppo dei non trattati, usato come confronto, è stato di 898 soggetti. Il periodo medio di osservazione è stato per tutti di 5.1 anni. I modelli di analisi applicati hanno dimostrato un’evoluzione della Scala della Disabilità più lenta nei malati trattati con i DMTs, rispetto ai non trattati.

L’interpretazione dei risultati data dagli autori è stata che l’interferone beta e il glatiramer acetato hanno dimostrato che i loro effetti sulla disabilità nei malati con sclerosi multipla recidivante remittente si sono mantenuti nel tempo e hanno mostrato un buon rapporto fra costo e efficacia per un periodo di osservazione di sei anni.

Tommaso Sacco

Fonte: Effectiveness and cost-effectiveness of interferon beta and glatiramer acetate in the UK Multiple Sclerosis Risk Sharing Scheme at 6 years: a clinical cohort study with natural history comparator; The Lancet Neurology, 2015 Apr 1.

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI