MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Interferone beta e 25-idrossi vitamina D interagiscono nell'influenzare il rischio di recidiva della sclerosi multipla

Notizia

PUBBLICATO

Interferone beta e 25-idrossi vitamina D interagiscono nell'influenzare il rischio di recidiva della sclerosi multipla

Ricercatori dell'università  di Hobart, in Tasmania (Australia) hanno valutato possibili interazioni, fra trattamento con interferone beta e metabolismo della vitamina D, in soggetti con sclerosi multipla. Negli ultimi anni, infatti, è stato ipotizzato un ruolo per alterazioni del metabolismo di questa vitamina nello sviluppo della malattia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Uno studio osservazionale ha seguito 178 malati di sclerosi multipla nel periodo 2002-2005, durante il quale è stata misurata la 25-idrossi vitamina D due volte l'anno. E' stata raccolta anche una serie di altre informazioni fra le quali l'eventuale trattamento con interferone beta.

La concentrazione ematica media della 25-idrossi vitamina D negli individui in trattamento con interferone beta è stata significativamente superiore (p<0.001). E' stato rilevato anche che i soggetti trattati avevano concentrazioni tre volte più elevate di 25-idrossi vitamina D per ora di esposizione al sole. Com'è noto, l'esposizione ai raggi solari è indispensabile alla metabolizzazione della vitamina D. Inoltre, la riduzione del rischio di recidive della malattia, nei casi trattati con interferone beta, si è rilevata solo se avevano valori più elevati di 25-idrossi vitamina D e, viceversa, l'associazione fra concentrazione ematica di 25-idrossi vitamina D e ridotto rischio di recidive è stata rilevata solo in presenza di un trattamento con interferone beta.

Gli sperimentatori hanno concluso che la somministrazione di interferone beta si è associata con una maggiore produzione di vitamina D dovuta alla esposizione al sole e hanno ipotizzato che almeno parte dell'efficacia terapeutica dell'interferone beta nella sclerosi multipla sia riconducibile a questo effetto. Essi suggeriscono di controllare nel tempo la concentrazione ematica della 25-idrossi vitamina D negli individui trattati con interferone beta.

Tommaso Sacco

Fonte: Interferon-β and serum 25-hydroxyvitamin D interact to modulate relapse risk in MS; Neurology,July 17, 2012 vol. 79 no. 3254-260

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI