Efficacia della somministrazione di corticosteroidi per bocca e per via endovenosa nella cura delle recidive della sclerosi multipla

Notizia |
Efficacia della somministrazione di corticosteroidi per bocca e per via endovenosa nella cura delle recidive della sclerosi multipla

I corticosteroidi somministrati per via endovenosa sono efficaci nella cura delle recidive della sclerosi multipla, ma la loro somministrazione può essere difficile e costosa. Un confronto da una rete di Centri francesi ha dimostrato che la somministrazione orale non inferiore, come efficacia, a quella endovenosa.

Potrebbe interessarti anche…

Le Page e colleghi hanno valutato 199 persone con una recidiva di sclerosi multipla. Di queste, una metà ha ricevuto metilprednisolone, un tipo di corticosteroide, alla dose di 1000 mg al giorno per via endovenosa e l’altra metà la stessa dose per via orale. Per ambedue i gruppi, la durata dell’assunzione è sta di 3 giorni. Lo studio ha coinvolto 13 Centri francesi della sclerosi multipla e malati, medici e infermieri non sapevano quale dei tipi di trattamento assumeva ciascun soggetto. Il principale criterio di valutazione dell’efficacia è stato la percentuale di soggetti migliorati dopo 28 giorni, senza richiedere un’ulteriore somministrazione di corticosteroidi. Il miglioramento della funzionalità fisica è stato misurato con l’EDSS. Il tempo di risoluzione della recidiva è stato di 7 giorni e 7,4 giorni, rispettivamente, nelle persone curate con metilprednisolone orale ed endovenoso. Nel gruppo di soggetti che ha completato il trattamento secondo il protocollo previsto l’81% di quelli con corticosteroidi orali e il 90% di quelli con la formulazione endovenosa è guarito dalla recidiva entro il 28° giorno. La frequenza di effetti indesiderati è stata simile nei due gruppi.

Gli autori hanno concluso che la via di somministrazione orale e quella endovenosa del metilprednisolone hanno un’efficacia equivalente e una sicurezza simile. Essi prevedono che i risultati ottenuti in questa ricerca potranno influenzare la gestione delle recidive nella pratica clinica.

Tommaso Sacco

Fonte: Oral versus intravenous high-dose methylprednisolone for treatment of relapses in patients with multiple sclerosis (COPOUSEP): a randomised, controlled, double-blind, non-inferiority trial; The Lancet, Volume 386, No. 9997, p974–981, 5 September 2015.

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.