MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Aderenza al trattamento della sclerosi multipla: anche gli auto-iniettori contribuiscono a migliorarla

Notizia

PUBBLICATO

Aderenza al trattamento della sclerosi multipla: anche gli auto-iniettori contribuiscono a migliorarla

I risultati di uno studio, eseguito con un dispositivo di auto-iniezione, confermano che questa soluzione è efficace, sicura e aiuta i pazienti a gestire meglio il trattamento.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La sclerosi multipla, come altre gravi malattie croniche, richiede trattamenti con somministrazioni discretamente frequenti e a lungo termine. Inoltre, in particolare nel caso della sclerosi multipla, la maggior parte dei farmaci in uso va somministrata per via iniettiva, sottocutanea o intramuscolare, e questo può diventare uno dei maggiori fattori che riducono l'aderenza alle cure. Per questo motivo da tempo sono stati proposti dispositivi che permettono di agevolare la somministrazione, rendendola più facile e sicura, riducendo anche l'impatto psicologico negativo che tali modalità  di trattamento possono avere. Di recente è stato pubblicato uno studio che ha valutato l'efficacia di un auto-iniettore utilizzato per la somministrazione di interferone beta1a per via intramuscolare. Si è trattato di una ricerca in aperto, che ha coinvolto 74 pazienti, di età  compresa fra 18 e 65 anni, arruolati da 17 centri della sclerosi multipla degli Stati Uniti. Il protocollo di ricerca, abbastanza complesso, era finalizzato a far abituare il paziente all'utilizzo del dispositivo, per poi valutare efficacia e sicurezza dell'auto-iniettore da parte dei pazienti e degli operatori sanitari. Nell'insieme, l'utilizzo del dispositivo è stato giudicato dai partecipanti allo studio molto più positivamente delle siringhe pre-riempite già  in uso. Lo studio presenta alcuni limiti, ad esempio la popolazione studiata è costituita quasi esclusivamente da femmine (86%) e su procedure di questo tipo ci possono essere diversità  di accettazione fra maschi e femmine, ma fornisce una prima valutazione che certamente verrà  approfondita su popolazioni più ampie e rappresentative.

Tommaso Sacco

Fonte: An open-label, multicenter study to evaluate the safe and effective use of the single-use autoinjector with an Avonex°® prefilled syringe in multiple sclerosis subjects; BioMed Central Neurology 2011, 11:126.

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI