Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Trattamento delle ricadute e dei sintomi

Trattamento delle ricadute e dei sintomi

Il trattamento della sclerosi multipla ha, come obiettivo principale, la riduzione o l’arresto dell’attività infiammatoria della malattia e, con essi, la prevenzione delle recidive e della progressione della disabilità. D’altra parte, non c’è ancora nessun prodotto in grado di abolire definitivamente la comparsa delle recidive e queste sono caratterizzate da sintomi di varia intensità, che possono interferire con le attività quotidiane e peggiorare sensibilmente la qualità di vita del malato. Per questo, gli specialisti utilizzano approcci di vario tipo per ridurre l’intensità dei sintomi e restituire, alle persone con sclerosi multipla, funzionalità accettabili.

Potrebbe interessarti anche…

Nel trattamento dei sintomi si impiegano anche farmaci ed altri approcci, elencati brevemente di seguito.

Steroidi

Gli steroidi, comunemente detti cortisonici, rappresentano tuttora la base del trattamento delle fasi in cui la sclerosi multipla si manifesta con recidive. Gli steroidi sono potenti antiinfiammatori e questo è il motivo per il quale vengono usati quando la comparsa di sintomi e l’evidenza di lesioni, rilevate con la risonanza magnetica, dimostrano un’intensa attività dell’infiammazione nelle aree del SNC interessate dalla malattia. Dato l’obiettivo del trattamento, le dosi di steroidi usate devono essere adeguate e la durata della cura deve essere coerente con lo scopo di indurre la scomparsa dei sintomi. Un prolungamento della loro somministrazione dopo la scomparsa dei sintomi non sembra avere alcuna utilità, perché si è dimostrato che gli steroidi non modificano decorso ed evoluzione della malattia.

Farmaci sintomatici

Nella scheda dedicata vengono descritti i sintomi che si possono presentare nelle persone con sclerosi multipla. Ciascuno di essi può essere affrontato con specifiche terapie, farmacologiche e non. Neurologi ed esperti di sclerosi multipla valutano, caso per caso, i protocolli di cura più adatti per il controllo dei sintomi e coinvolgono altri specialisti, perché i sintomi possono riguardare altri sistemi e apparati: sistema urinario, apparato digerente, apparato riproduttivo.

Plasmaferesi

Nelle recidive più gravi, che non rispondono agli steroidi, si può rendere necessario questo trattamento. Esso consiste nella temporanea rimozione di volumi prestabiliti di sangue dall’organismo. Nel sangue rimosso viene separata la parte che non contiene cellule ed elementi corpuscolari (globuli rossi e piastrine), con lo scopo principale di eliminare dal sangue anticorpi e molecole che alimentano l’infiammazione. Successivamente, il volume di sangue prelevato è re-infuso nel soggetto. Fra i possibili effetti indesiderati della procedura ci sono infezioni e trombosi.

All'interno della sezione Trattamento e Cura della Sclerosi Multipla leggi anche

Leggi anche Sicurezza dei farmaci impiegati nella Sclerosi Multipla

Tommaso Sacco

Bibliografia

  • Agenzia del Farmaco
  • EMA
  • A Rae-Grant e coll. Practice guideline recommendations summary: Disease-modifying therapies for adults with multiple sclerosis. Neurology® 2018;90:777-788.
Contatta l'esperto

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti