Storia della Sclerosi Multipla

Storia della Sclerosi Multipla

Negli ultimi decenni, in poche aree cliniche come nella sclerosi multipla, si è registrato un impegno così grande di medici e ricercatori per la messa a punto di strumenti di diagnosi e approcci terapeutici sempre più efficaci. Certamente si tratta di una delle aree cliniche che oggi ha il più alto indice di innovazione. Tanto lavoro e tanti investimenti sono ampiamente giustificati per una malattia che con i suoi sintomi e la sua evoluzione ha drammatiche ripercussioni sulla vita di tante persone.

Potrebbe interessarti anche…

I progressi della biologia molecolare, della genetica, dell’epigenetica e degli strumenti diagnostici per immagini hanno impresso di recente un’ulteriore accelerazione alla ricerca sui meccanismi di sviluppo della malattia e mai prima d’ora ci sono stati tanti nuovi trattamenti in corso di valutazione in questa indicazione. L’obiettivo finale di migliaia di ricercatori in tutto il mondo è di trovare la cura, cioè l’approccio che permetta di arrestare definitivamente la progressione della malattia, magari recuperando le funzionalità . E la speranza di tutti è che questo obiettivo venga raggiunto presto.

Ma la storia della sclerosi multipla viene da lontano. Tante persone hanno vissuto il dramma di quei primi sintomi, quasi banali, che più o meno rapidamente avrebbero trasformato le loro vite. Schiere di medici e studiosi si sono dedicati ad alleviare le sofferenze dei malati e a spiegare come e perché la malattia si sviluppa e il tutto in epoche nelle quali i mezzi, che gli uni e gli altri avevano a disposizione, erano a dir poco rudimentali, alla luce delle attuali conoscenze. Tutto questo ha consentito tanti progressi, piccoli e grandi, e in una fase di così veloce evoluzione la Fondazione Cesare Serono propone una breve storia di questa patologia, proprio per ricordare come l’attuale stato delle conoscenze, così evoluto e promettente, sia anche il risultato delle esperienze di tante persone con sclerosi multipla e del lavoro di tanti studiosi, che a questa malattia si sono dedicati.

Tommaso Sacco

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.