Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Sclerosi Multipla Secondariamente Progressiva (SMSP)

Sclerosi Multipla Secondariamente Progressiva (SMSP)

In inglese si indica con Secondary Progressive Multiple Sclerosis, da cui l’acronimo SPMS. Deve la sua definizione al fatto che abitualmente presenta come evoluzione di una forma che “primariamente” era recidivante remittente. Quello che si osserva nella pratica clinica è che alcune persone con SMRR, da un certo momento in poi, presentano segni, sintomi e lesioni rilevate alla risonanza magnetica che si mantengono o peggiorano nel tempo, senza che ci siano più veri e propri periodi di remissione. Nella sclerosi multipla secondariamente progressiva si osservano comunque fasi di attività più intensa della malattia, nelle quali il peggioramento è evidente e si rilevano nuove lesioni alla risonanza magnetica, e altre di non attività, nelle quali l’andamento è stabilizzato. Inoltre, a prescindere dal livello di attività, ci può essere o meno una progressione della disabilità. Nel grafico è esemplificato un andamento nel tempo della SMSP, come evoluzione di una SMRR. La differenza principale, rispetto al grafico della SMRR, è che c’è un maggiore accumulo di disabilità nel tempo.

Potrebbe interessarti anche…

L’andamento illustrato è puramente indicativo, in quanto l’alternanza fra periodi di attività e stabilità senza attività e fra fasi di progressione e non progressione cambia da un malato all’altro. D’altra parte, quello che non è stato ancora definito è come si accumula la disabilità, se solo per la mancata risoluzione delle disfunzioni manifestatesi nelle fasi di attività o anche perché il danno si diffonde progressivamente nel sistema nervoso, a prescindere dalle recidive.

Tommaso Sacco

Vedere anche in Forme di Sclerosi Multipla

Fonti

Contatta l'esperto

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti