MENU SEZIONE

Sclerosi Multipla Secondariamente Progressiva (SMSP)

Definita in inglese Secondary Progressive Multiple Sclerosis (SPMS), è una forma della malattia che abitualmente rappresenta un’evoluzione di quella recidivante remittente. In questi casi, si tratta di una fase in cui segni, sintomi e lesioni rilevate alla risonanza magnetica si mantengono o peggiorano nel tempo senza veri e propri periodi di remissione, come nella forma recidivante remittente. Nella sclerosi multipla secondariamente progressiva si osservano comunque fasi di attività più intensa della malattia, nelle quali il peggioramento è evidente e si rilevano nuove lesioni alla risonanza magnetica, da fasi di non attività, nelle quali l’andamento è stabilizzato. Inoltre, a prescindere dal livello di attività, ci può essere o meno una progressione della disabilità. Per comprendere meglio la distinzione nelle diverse fasi si faccia riferimento alla figura 2. L’andamento in essa illustrato è puramente indicativo in quanto l’alternanza di periodi di attività e mancata attività e fasi di progressione o non progressione si alternano in ogni persona in modo diverso. Un aspetto abbastanza tipico della forma secondariamente progressiva è che i periodi di attività producono alterazioni della funzione del sistema nervoso che non migliorano e si mantengono nel tempo. D’altra parte, quello che non è stato ancora definito è come si accumula la disabilità, se attraverso la mancata risoluzione delle disfunzioni manifestatesi nelle fasi di attività o perché il danno dovuto alla malattia si diffonde progressivamente nel sistema nervoso.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La cura della forma secondariamente progressiva può porre problemi complessi, in quanto alcuni DMD efficaci nella SMRR possono non esserlo nella SMSP e quindi si deve ricorrere a prodotti più “aggressivi”, ma che possono comportare un maggiore rischio di effetti collaterali. Inoltre, nelle fasi in cui l’attività della malattia è particolarmente intensa, si possono usare i corticosteroidi e restano sempre validi gli approcci di riabilitazione sia fisica che psicologica.