Forme di sclerosi multipla

Forme di sclerosi multipla

Ci sono due possibili modi di classificare le forme di sclerosi multipla. Si può fare riferimento al livello di definizione della diagnosi o all’andamento nel tempo della malattia e delle sue manifestazioni cliniche. Infatti, anche se la Sindrome Clinicamente Isolata non è considerata una forma di sclerosi multipla vera e propria, perché non c’è la certezza che evolva sempre verso una diagnosi confermata di questa malattia, è vero anche che la si può definire come un quadro preliminare di alcuni casi di sclerosi multipla. D’altra parte, la presenza di una chiara alternanza fra recidive e remissioni differenzia la forma recidivante remittente da quelle progressive, nelle quali non si osservano vere e proprie remissioni di segni, sintomi e disabilità. Un’ulteriore doverosa premessa è che tutte le volte che, in medicina, si propongono classificazioni di questo tipo, bisogna accettare l’ipotesi che singoli casi si presentino in modi diversi da quelli previsti dalle classificazioni stesse. Infine, c’è chi, in tempi recenti, ha proposto di considerare la forma primariamente progressiva della sclerosi multipla come ”un’altra malattia”, rispetto alla recidivante remittente, considerando i tempi e i modi progressione del tutto diversi e la mancata risposta a quasi tutte le cure che sono efficaci nella forma meno grave.

Potrebbe interessarti anche…

In questa sezione troverete:

Tommaso Sacco

Fonti

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.