Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Glossario Sclerosi Multipla

Glossario Sclerosi Multipla

AJAX progress indicator
  • Acido acetilsalicilico
    Più comunemente conosciuto con il nome di aspirina, italianizzazione del suo primo nome commerciale tedesco, l'acido acetilsalicilico è un farmaco antiinfiammatorio non steroideo (FANS).
  • ACTRIMS
    In italiano: Comitato Americano per il Trattamento e la Ricerca nella Sclerosi Multipla. E’ la più importante Società Scientifica americana della sclerosi multipla e una delle più importanti del mondo.
  • Agenzia Italiana del Farmaco
    L’agenzia che si occupa della registrazione in Italia e della verifica nel tempo dei farmaci
  • AIFA
    L’agenzia che si occupa della registrazione in Italia e della verifica nel tempo dei farmaci
  • Alemtuzumab
    Anticorpo monoclonale che elimina alcuni tipi di linfociti T e B, sopprimendo l’attività del sistema immunitario. Ricerche su modelli animali hanno evidenziato che la molecola avrebbe anche effetti di protezione del tessuto nervoso. Per approfondimenti sul prodotto, si rimanda alla sua scheda(...)
  • American Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis
    In italiano: Comitato Americano per il Trattamento e la Ricerca nella Sclerosi Multipla. E’ la più importante Società Scientifica americana della sclerosi multipla e una delle più importanti del mondo.
  • Ansia
    In medicina e psicologia si definisce così una particolare sensazione d’incertezza e di timore che può provare un individuo. In alcuni casi l’ansia si associa a situazioni, eventi e incontri specifici, altre volte non ha cause individuabili. L’ansia può essere causata da malattie gravi come la(...)
  • Ansia da separazione
    Quadro di ansia che si manifesta quando ci si separa da una persona cara o di riferimento. E’ più frequente in età pediatrica, ma si può manifestare anche in adulti.
  • Ansia sociale
    L’ansia sociale o fobia sociale è un quadro di ansia che è provocato dall’interazione con altri individui o si presenta quando si teme di non essere adeguati ad affrontare situazioni nelle quali ci si espone al giudizio altrui.
  • Anticorpi
    Sono molecole con una parte formata da una proteina ed un’altra da zuccheri (glucidi) e per questo sono definite molecole glicoproteiche. Gli anticorpi sono prodotti da linfociti B attivati, chiamati plasmacellule, per legarsi specificatamente ad una molecola riconosciuta come antigene. Gli(...)
  • Anticorpi monoclonali
    Farmaci che assomigliano nella struttura e nella funzione agli anticorpi che il sistema immunitario utilizza per difendere l’organismo. Gli anticorpi monoclonali sono progettati e messi a punto per legarsi ad altre molecole sviluppando un effetto finale utile a curare o prevenire(...)
  • Apatia
    Marcata riduzione o mancanza di reazioni alle sollecitazioni affettive e di altro tipo
  • Aprassia
    Difficoltà o incapacità di eseguire movimenti che hanno a un determinato scopo
  • Area giustacorticale
    Area del cervello localizzata vicino alla sua superficie esterna, denominata corteccia.
  • Area infratentoriale
    Area del cervello localizzata sotto una struttura denominata “tentorium cerebelli”.
  • Area periventricolare
    Area del cervello localizzata intorno alla cavità presente nell’organo, demoninata ventricolo.
  • Areflessia
    Mancanza dei normali riflessi, dovuta a danni o disfunzioni del sistema nervoso.
  • Asintomatico
    Che non presenta sintomi.
  • Astenia
    Sintomo che consiste nella percezione di una profonda stanchezza non motivata dalle attività svolte dall’individuo. Volendola differenziare dalla fatigue, l’astenia è una sensazione di spossatezza più generalizzata, mentre la fatigue è più riferita alla forza percepita nei muscoli. Vedere(...)
  • Astrocita
    Gli astrociti sono cellule del sistema nervoso centrale, chiamate così perché dotate di  appendici che li fanno assomigliare a stelle. Sono classificati in: astrociti fibrosi, che hanno poche appendici ma molto lunghe e si trovano nella sostanza bianca del sistema nervoso centrale; astrociti(...)
  • Atassia
    Il termine deriva dal greco “a taxis” che vuole dire “senza ordine” e sta ad indicare la difficoltà, che hanno le persone presentano il sintomo, di controllare i loro movimenti. Tale mancato controllo, comporta l’esecuzione sbagliata, per misura o per direzione (atassia dinamica), di azioni(...)
  • Atrofia
    Riduzione del volume di tessuti o di organi, dovuta alla diminuzione del volume o del numero delle cellule che li compongono o del volume della sostanza che circonda le cellule stesse. L’atrofia può essere dovuta a cause fisiologiche, all’invecchiamento o a malattie. Nelle malattie(...)
  • Attacco di panico
    Stato di paura molto intensa che si sviluppa in pochissimo tempo, per esempio una decina di minuti, ed è accompagnato da sintomi come palpitazioni, sudorazione, tremore, respiro affannoso, mancanza di respiro, dolore al petto, nausea, mancanza di equilibrio e altri ancora.
  • Azatioprina
    Farmaco a effetto immunospressore usato nelle forme più attive di sclerosi multipla e in quelle progressive. Per approfondimenti sul prodotto, si rimanda alla sua scheda tecnica  
  • Bande oligo-clonali
    E' un esame che rileva la presenza di anticorpi nel liquido cefalo-rachidiano, ed è molto importante per definire il livello di attività e la prognosi della sclerosi multipla. Secondo alcuni esperti, predice l’evoluzione da Sindrome Clinicamente Isolata (Clinically Isolated Syndrome: CIS), una(...)
  • Barriera emato-encefalica
    È un sistema paragonabile ad un filtro che limita il passaggio di cellule e molecole dal sangue al sistema nervoso centrale, vale a dire all’”ambiente” nel quale si trovano cervello, cervelletto e midollo spinale. Si tratta di un filtro “dinamico” che si adatta a diverse condizioni e che si(...)
  • Bradicinesia
    Rallentamento dei movimenti volontari.
  • Cannabinoidi
    Farmaci che si legano a recettori specifici contrastando alcune delle alterazioni che la sclerosi multipla e altre malattie del sistema nervoso provocano nella trasmissione degli stimoli lungo i nervi. I cannabinoidi devono il loro nome al fatto che agli stessi recettori si legano molecole che(...)
  • Caregiver
    Tradotto letteralmente dall'inglese indica “colui che si prende cura” e si riferisce a tutti i familiari, o professionisti, che assistono un loro congiunto ammalato e/o disabile.
  • Carico lesionale
    Il carico lesionale, o carico di lesioni, è l’insieme delle lesioni provocate dalla sclerosi multipla che sono rilevabili con la risonanza magnetica.
  • CCSVI
    In inglese: Chronic Cerebro-Spinal Venous Insufficiency (CCSVI). Il termine indica alterazioni del flusso di sangue nelle vene che drenano il sangue dal cervello verso la colonna vertebrale. Alcuni autori hanno formulato una teoria secondo la quale la CCSVI avrebbe un ruolo nello sviluppo(...)
  • Cellule staminali ematopoietiche
    Cellule dalle quali derivano le cellule del sangue. Si ricavano dal midollo osseo e si usano per il cosiddetto “trapianto di midollo
  • Cellule staminali mesenchimali
    Cellule dalle quali derivano vari tipi di tessuto, come: connettivo, osso, cartilagine e tessuto adiposo. Se ne valuta il trapianto nella cura di varie malattie. Si possono ottenere dall’embrione, cellule staminali mesenchimali embrionarie, o da tessuti adulti. Abitualmente di ricavano(...)
  • Cellule staminali neurali
    Cellule staminali proprie del sistema nervoso dalle quali derivano i neuroni e le cellule della microglia: oligodendrociti e astrociti. Il trapianto di cellule neurali, per ora in una fase molto preliminare della ricerca, sarebbe mirato a curare malattie come la sclerosi multipla.
  • Cerebellare
    Del cervelletto
  • Cerebrale
    Del cervello
  • Cervelletto
    Parte dell’encefalo
  • Ciclofosfamide
    È un farmaco ad effetto citostatico, cioè che riduce la riproduzione delle cellule. È usato da tempo in varie forme di neoplasie e, in seguito, è stato impiegato nelle forme più attive di sclerosi multipla e in quelle progressive. Per approfondimenti sul prodotto, si rimanda alla sua scheda tecnica.
  • CIS
    Acronimo della parola inglese Clinically Isolated Syndrome, traducibile in italiano con Sindrome Clinicamente Isolata. Si tratta di una forma molto precoce di sclerosi multipla, caratterizzata da un singolo episodio sintomatico. Per essere confermata come sclerosi multipla si deve evidenziare(...)
  • Citochine
    Molecole proteiche (proteine) che vengono prodotte da alcune cellule per modulare (stimolare o inibire) le funzioni di altre cellule. Nell’ambito del sistema immunitario, le citochine servono a coordinare le attività delle cellule che contribuiscono ai diversi tipi di risposta. Il ruolo delle(...)
  • Cladribina
    Il meccanismo d’azione della cladribina, farmaco in compresse, consiste in una riduzione del numero dei linfociti che alimentano i processi di infiammazione alla base delle alterazioni del sistema nervoso che sono caratteristiche della sclerosi multipla. Come altri farmaci introdotti di(...)
  • Cordone
    Una delle porzioni nelle quali si divide il midollo spinale. I cordoni del midollo spinale sono quattro: anteriore, posteriore e laterali del midollo spinale.
  • Corea
    Movimenti incontrollati delle braccia, delle gambe e del collo che fanno le persone affette da malattie come la malattia di Huntington o la corea di Sindenham.
  • Corpo calloso
    Struttura del cervello che contiene fasci di fibre nervose che permettono ai due emisferi di essere collegati e comunicare tra loro. Esso è coinvolto sia nelle funzioni relatve al movimento che in quelle di senso.
  • Corpo calloso
    Struttura del cervello che contiene fasci di fibre nervose che permettono ai due emisferi di essere collegati e comunicare tra loro. Esso è coinvolto sia nelle funzioni relatve al movimento che in quelle di senso.
  • Corpo striato
    Parte del sistema nervoso centrale
  • Corteccia
    Strato più superficiale degli emisferi del cervello o del cervelletto
  • Counseling
    Indica un'attività professionale che tende ad orientare, sostenere e sviluppare le potenzialità del paziente, promuovendone atteggiamenti attivi, propositivi e stimolando le capacità di scelta. Si occupa di problemi non specifici (prendere decisioni, miglioramento delle relazioni(...)
  • Criteri MAGNIMS
    Sono criteri di diagnosi di CIS e di sclerosi multipla che comportano alcune modifiche, rispetto a quelli di McDonald.
  • Criteri di McDonald
    Sono i criteri più usati per la formulare diagnosi di CIS e di sclerosi multipla, definire la forma della stessa e per prevedere l’evoluzione da una forma all’altra. Fanno riferimento sia a evidenze cliniche, come i sintomi, che a riscontri radiologici e di laboratorio. La prima edizione è del(...)
  • Daclizumab
    Il daclizumab è un anticorpo monoclonale che si lega a una molecola situata sulla membrana dei linfociti T, denominata CD25, impedendo a una citochina, l’interleukina 2, di legarvisi a sua volta. Il blocco dell’attività di tali cellule, ottenuto con questo meccanismo, viene sfruttato anche(...)
  • Deambulazione
    È il termine medico che esprime l’atto del camminare.
  • Demielinizzante
    Si definisce così una malattia o un meccanismo che provocano demielinizzazione
  • Demielinizzazione
    Distruzione della mielina nel sistema nervoso centrale, che provoca l’interruzione della comunicazione fra neuroni. Le zone di demielinizzazione sono definite “placche”. Danno caratteristico delle sclerosi multipla.
  • Depressione
    In medicina e psicologia si definisce così una modificazione del tono dell’umore in senso negativo. Il soggetto depresso è profondamente triste, pessimista verso tutti gli aspetti della vita, distaccato dagli abituali interessi e percepisce come inadeguate le proprie capacità psichiche e(...)
  • Dimetil-fumarato
    Il dimetil-fumarato è indicato oggi nel trattamento della sclerosi multipla, dopo che, in precedenza, molecole simili sono state impiegate nella cura della psoriasi. Per approfondimenti sul prodotto, si rimanda alla sua scheda tecnica e alle informazioni fornite dall’Agenzia Europea dei(...)
  • Disabilità intellettiva
    Consiste in una carenza delle funzioni dell’intelligenza come il ragionamento, la soluzione dei problemi, il giudizio, ecc. Si indica anche con il termine di ritardo mentale.
  • Disartria
    Difficoltà a parlare. L’articolazione della parola è esitante, sillabe e lettere vengono tagliate, contratte, invertite, raddoppiate.
  • Disartria
    Sintomo che indica la difficoltà a parlare e che deriva dall’inadeguata coordinazione dei movimenti dei muscoli che permettono tale funzione.
  • Disestesia
    Sintomo che consiste in un’alterazione della sensibilità caratterizzata da percezioni non coerenti con lo stimolo che le provocano. Ad esempio, uno stimolo di dolore avvertito come formicolio
  • Dismetria
    Sintomo che crea difficoltà a misurare i movimenti volontari. Ad esempio, volendo prendere in mano un oggetto, si allunga il braccio troppo o troppo poco.
  • Disordine da ansia generalizzata
    Condizione nella quale, quasi ogni giorno per almeno 6 mesi, si avvertono ansia e preoccupazioni eccessive, che si fa fatica a controllare, accompagnate a irrequietezza, difficoltà a concentrarsi, irritabilità, tensione anomala di muscoli e alterazioni del sonno.
  • Disseminazione
    Termine impiegato dagli esperti di sclerosi multipla per indicare la diffusione delle lesioni in aree diverse del sistema nervoso centrale (diffusione nello spazio) o lo sviluppo delle lesioni stesse (diffusione nel tempo) in tempi successivi. Le diffusioni nello spazio e nel tempo sono alla(...)
  • Dissinergia
    Inadeguato funzionamento di gruppi o di sistemi muscolari.
  • Disturbo depressivo
    Forma di depressione caratterizzata da episodi ricorrenti e prolungati.  Un disturbo depressivo si definisce maggiore, se influenza negativamente i rapporti dell’individuo con le altre persone, cioè se interferisce con la sua socialità
  • Disturbo somatico
    Si definisce così un segno (ad esempio l’arrossamento della pelle) o un sintomo (come un dolore alla pancia) che farebbero pensare a un problema dell’organo del tessuto dove si presentano, mentre dipendono da alterazioni della funzione del sistema nervoso. Questi disturbi si definiscono anche(...)
  • DMD
    È un acronimo che sta per “Disease Modifying Drugs” che può essere tradotto in italiano in: Farmaco Modificante la Malattia. Questo termine, a sua volta, identifica tutte le cure alle quali si attribuisce un effetto nel modificare l’andamento della malattia, vale a dire la sclerosi multipla.(...)
  • Dolore pelvico cronico
    Per dolore pelvico cronico (DPC) si intende una sintomatologia dolorosa costante o intermittente, ciclica o aciclica, a livello della regione pelvica, che persista da almeno 6 mesi. Può presentarsi in molteplici forme: dolore persistente e indipendente dall'evento mestruale, dolore ciclico che(...)
  • DTI
    In inglese Diffusion Tensor Imaging (DTI) è una metodica di diagnosi per immagini, che costituisce un’evoluzione della risonanza magnetica, e che si basa sulla registrazione del movimento delle molecole di acqua nei tessuti. La DTI usa la diffusione dell'acqua come riferimento per determinare(...)
  • ECTRIMS
    In italiano: Comitato Europeo per il Trattamento e la Ricerca nella Sclerosi Multipla. E’ la più importante Società Scientifica europea della sclerosi multipla e una delle più importanti del mondo.
  • EDSS
    Acronimo di Expanded Disability Status Scale, traducibile in Scala Espansa dello Stato di Disabilità. È un sistema numerico per valutare la disabilità dei soggetti con sclerosi multipla, in base alla capacità di svolgere normali attività, come ad esempio il camminare. Si usa comunemente anche(...)
  • Elettroencefalogramma
    Esame che registra in maniera grafica i fenomeni elettrici che si verificano nel cervello e corrispondono alla trasmissione degli stimoli all’interno dell’organo
  • EMA
    È l’agenzia che si occupa della registrazione in Europa e della verifica nel tempo dei farmaci
  • Emisfero
    Una delle due metà in cui sono divisi sia il cervello, che il cervelletto.
  • Episodio depressivo
    Forma di depressione caratterizzata da un unico episodio.
  • European Committee for Treatment and Research
    In italiano: Comitato Europeo per il Trattamento e la Ricerca nella Sclerosi Multipla. E’ la più importante Società Scientifica europea della sclerosi multipla e una delle più importanti del mondo.
  • European Medicines Agency
    È l’agenzia che si occupa della registrazione in Europa e della verifica nel tempo dei farmaci
  • Fagocita
    In questa definizione rientrano cellule caratterizzate dalla capacità di fagocitare agenti o materiali potenzialmente dannosi per l’organismo. La radice greca del termine fagocita esprime il concetto del “mangiare” e questo dà un’idea di come queste cellule svolgono la loro attività: esse(...)
  • FDA
    Traducibile in italiano i “Agenzia del cibo e del farmaco”, è l’Agenzia degli Stati Uniti che autorizza l’uso nella pratica clinica di farmaci e altri approcci per la cura e la diagnosi delle malattie.
  • Fingolimod
    E’ stato il primo farmaco per la sclerosi multipla da assumere per bocca a essere introdotto nella pratica clinica. Il meccanismo d’azione di questo farmaco consiste nel bloccare i linfociti all’interno dei linfonodi e quindi riducendo la possibilità che essi dal circolo sanguigno passino nel(...)
  • Fobia
    Paura intensa e persistente, eccessiva e irragionevole, per la presenza o per l’attesa di una situazione, come prendere l’aereo o il treno, o di un contatto con oggetti specifici
  • Food and Drug Administration
    Traducibile in italiano i “Agenzia del cibo e del farmaco”, è l’Agenzia degli Stati Uniti che autorizza l’uso nella pratica clinica di farmaci e altri approcci per la cura e la diagnosi delle malattie.
  • Forme progressive (della sclerosi multipla)
    Termine generale che comprende la forma secondariamente progressiva e quella primaria progressiva.
  • Gadolinio
    Prodotto, che rientra nella categoria dei mezzi di contrasto, spesso somministrato per via endovenosa in corso di esami di risonanza magnetica, per evidenziare le aree del sistema nervoso nelle quali è attiva la sclerosi multipla. La somministrazione di gadolinio, nel corso di una risonanza(...)
  • Ganglio
    Parte anatomica posta lungo il decorso di nervi che contribuisce alla trasmissione e all’integrazione degli impulsi nervosi che essi conducono.
  • Generici (farmaci)
    Si chiamano così quei farmaci le cui molecole sono uguali a quelle di prodotti già in commercio dotati di un marchio e che vengono sottoposti a un processo di approvazione, da parte delle autorità competenti, molto semplificato. In pratica, per tali farmaci, è sufficiente dimostrare la(...)
  • Glatiramer acetato
    Consiste in una miscela di proteine sintetiche, formate da quattro aminoacidi, che assomigliano alle componenti della mielina, coinvolte nei fenomeni di autoimmunità (inserire link con scheda sulla patogenesi). Sulla base di queste caratteristiche cliniche, si ritiene che somministrando il(...)
  • Granulociti
    Cellule del sistema immunitario che devono il nome alla presenza al loro interno di “granuli” di varia forma e che assumono diverse colorazioni quando posti a contatto con specifici coloranti. I granulociti neutrofili ed eosinofili hanno la capacità di legare e distruggere agenti(...)
  • Guaina mielinica
    Involucro dei nervi formato da mielina.
  • Ibudilast
    Prodotto al quale sono stati attribuiti gli effetti di ridurre l’infiammazione e di proteggere i tessuti del sistema nervoso. Si somministra per bocca ed è in corso di sperimentazione nella sclerosi multipla.
  • IFNb
    Dalla fine degli anni ‘90 è uno dei cardini della cura della sclerosi multipla e il farmaco sul quale si è accumulata la più vasta esperienza, sia in ricerca, che nella pratica clinica Sono stati definiti vari meccanismi mediante i quali l’interferone agisce sul sistema immunitario,(...)
  • IgA
    Questo tipo contribuisce per il 13-19% al totale delle immunoglobuline. Le IgA sono distribuite in fluidi secreti dall’organismo come saliva, muco e lacrime.
  • IgD
    Costituisce una quota molto bassa, inferiore all’1%, di tutte le immunoglobuline e si ritrova legata a membrane cellulari, più che libera nel sangue.
  • IgE
    In condizioni fisiologiche la concentrazione nel sangue di questo tipo di immunoglobulina è molto bassa perché questi anticorpi si trovano in gran parte localizzati sulle membrane cellulari dei mastociti.
  • IgG
    Rappresenta il 72-80% del totale degli anticorpi e la sua produzione è meno veloce di quella delle IgM.
  • IgM
    Questo tipo di anticorpo costituisce il 6-8% del totale delle immunoglobuline. Sono le immunoglobuline di pronto intervento, perché sono le prime ad essere prodotte.
  • Immunogeno
    E’ una molecola, di solito proteica o glucidica (zuccheri) che stimola una risposta del sistema immunitario.
  • Immunoglobulina A
    Questo tipo contribuisce per il 13-19% al totale delle immunoglobuline. Le IgA sono distribuite in fluidi secreti dall’organismo come saliva, muco e lacrime.
  • Immunoglobulina D
    Costituisce una quota molto bassa, inferiore all’1%, di tutte le immunoglobuline e si ritrova legata a membrane cellulari, più che libera nel sangue.
  • Immunoglobulina E
    In condizioni fisiologiche la concentrazione nel sangue di questo tipo di immunoglobulina è molto bassa perché questi anticorpi si trovano in gran parte localizzati sulle membrane cellulari dei mastociti.
  • Immunoglobulina G
    Rappresenta il 72-80% del totale degli anticorpi e la sua produzione è meno veloce di quella delle IgM.
  • Immunoglobulina M
    Questo tipo di anticorpo costituisce il 6-8% del totale delle immunoglobuline. Sono le immunoglobuline di pronto intervento, perché sono le prime ad essere prodotte.
  • Immunosoppressore
    Si definisce così un farmaco che sopprime qualcuno dei meccanismi del sistema immunitario. Gli immunosoppressori si usano per curare malattie nelle quali il sistema immunitario provoca danni all’organismo, come quelle autoimmunitarie.
  • Insonnia
    Riduzione della durata del sonno o perdita della sua profondità e del suo potere ristoratore
  • Insufficienza Venosa Cerebrospinale Cronica
    In inglese: Chronic Cerebro-Spinal Venous Insufficiency (CCSVI). Il termine indica alterazioni del flusso di sangue nelle vene che drenano il sangue dal cervello verso la colonna vertebrale. Alcuni autori hanno formulato una teoria secondo la quale la CCSVI avrebbe un ruolo nello sviluppo(...)
  • Interferone beta
    Dalla fine degli anni ‘90 è uno dei cardini della cura della sclerosi multipla e il farmaco sul quale si è accumulata la più vasta esperienza, sia in ricerca, che nella pratica clinica Sono stati definiti vari meccanismi mediante i quali l’interferone agisce sul sistema immunitario,(...)
  • Interferone beta-1a intramuscolare
    Uno dei tipi di interferone indicati nella cura della sclerosi multipla. Per approfondimenti sul prodotto, si rimanda alla sua scheda tecnica e alle informazioni fornite dall’Agenzia Europea dei Medicinali.
  • Interferone beta-1a sottocutaneo
    Uno dei tipi di interferone indicati nella cura della sclerosi multipla. Per approfondimenti sul prodotto, si rimanda alla sua scheda tecnica e alle informazioni fornite dall’Agenzia Europea dei Medicinali.
  • Interferone beta-1b sottocutaneo
    Uno dei tipi di interferone indicati nella cura della sclerosi multipla. Per approfondimenti sul prodotto, si rimanda alla sua scheda tecnica e alle informazioni fornite dall’Agenzia Europea dei Medicinali. I seguenti link riguardano un altro marchio con cui viene proposto lo stesso farmaco:(...)
  • Interferone peghilato
    Denominato peg-interferone è stato messo a punto molti anni dopo l’introduzione in clinica degli altri interferoni. Per approfondimenti sul prodotto, si rimanda alle informazioni fornite dall’Agenzia Europea dei Medicinali.
  • Intratecale
    Modalità di somministrazione di farmaci o cellule staminali che comporta l’inoculazione degli stessi nel liquido cefalo-rachidiano
  • Ipersonnia
    Aumento di durata o intensità del sonno, o di entrambe, con incremento, in particolare, del sonno durante il giorno
  • Ippocampo
    Parte del sistema nervoso centrale.
  • Irritabilità
    Condizione caratterizzata dalla tendenza di un individuo ad irritarsi o ad arrabbiarsi in maniera sproporzionata, rispetto agli stimoli che riceve.
  • Laquinimod
    Deriva da una molecola, la linomide, provata in passato nella sclerosi multipla, ma abbandonata per problemi di sicurezza. In clinica ha dimostrato una buona efficacia, ma il suo meccanismo d’azione non è stato del tutto chiarito. L’Agenzia Europea dei Medicinali ne ha rifiutato l’introduzione(...)
  • Leucoencefalopatia multifocale progressiva
    Denominata in inglese Progressive Multifocal Leuconcephalopathy (PML), è una grave malattia che determina la degenerazione del sistema nervoso. Essa è provocata da un virus denominato JC (John Cunningham) virus, che appartiene alla classe dei poliomavirus e può essere presente nell’organismo(...)
  • Linfocita
    Questa definizione comprende varie serie di cellule che svolgono diverse funzioni nell’ambito dei meccanismi della risposta immunitaria, ma tutti i linfociti hanno in comune la caratteristica di rispondere a specifiche aggressioni e questo li differenzia, ad esempio, dai fagociti che non hanno(...)
  • Linfocita auto-reattivo
    Linfocita diretto verso cellule o strutture dell’organismo, gioca un ruolo fondamentale nelle malattie autoimmunitarie.
  • Linfocita B
    Questi linfociti hanno la funzione principale di produrre anticorpi, che sono molecole dirette in modo specifico verso gli antigeni per inattivarli e favorirne la distruzione. Nell’organismo si trovano tre tipi di linfociti B che corrispondono a diversi stadi di sviluppo di queste cellule: i(...)
  • Linfocita Natural Killer
    Il linfocita Natural Killer (termine traducibile in italiano con “assassino naturale”) è un tipo di linfocita che è in grado di riconoscere cellule infettate da virus o trasformate in cellule di tumori e di eliminarle. Per ulteriori dettagli sulle funzioni dei linfociti NK .
  • Linfocita T
    I linfociti T derivano da cellule che si sviluppano nel midollo osseo, per poi passare nel timo. Qui maturano e si differenziano nei seguenti sottotipi di cellule: linfociti T citotossici o citolitici (linfociti Tc o CTLs), linfociti T helper (linfociti Th), linfociti T di memoria (linfociti(...)
  • Linfocita T citotossico
    Sono linfociti in grado di distruggere cellule con le quali vengono in contatto ed in particolare quelle infettate da virus o degenerate in cellule di tumori. Inoltre, i linfociti T citotossici liberano citochine (vedi scheda dedicata) che stimolano l’attività dei fagociti.
  • Linfocita T di memoria
    E' un tipo di linfocita che ha la caratteristica di conservare il ricordo del contatto fra il sistema immunitario di un individuo e l’antigene.
  • Linfocita T helper
    Questo linfocita è definito helper (in italiano “aiutante”) perché “aiuta” altre cellule del sistema immunitario a svolgere le loro funzioni. Questi linfociti infatti liberano citochine che, a loro volta, regolano la produzione e la differenziazione di altri linfociti T e anche di fagociti e(...)
  • Linfocita T regolatorio
    La funzione di questo linfocita consiste nell’evitare che il sistema immunitario attacchi molecole non dannose per l’organismo. Proprio per questo effetto di inibizione di alcune risposte del sistema immunitario, sono stati in passato denominati linfociti T soppressori. I linfociti T(...)
  • Linfonodi
    Piccoli organi situati lungo i vasi nei quali scorre la linfa (vasi linfatici), presenti in tutte le aree dell’organismo e servono a “vigilare” su organi e tessuti per difenderli da aggressioni di vario tipo. I linfonodi si chiamano anche stazioni linfatiche perché, in questi organi, cellule(...)
  • Liquido cefalorachidiano
    E' il fluido nel quale sono immersi cervello e midollo spinale e che è contenuto nelle cavità del cervello.
  • Logopedia
    Cura dei disturbi della parola e del linguaggio.
  • Logopedista
    Chi cura con la logopedia.
  • MAGNIMS
    Sono criteri di diagnosi di CIS e di sclerosi multipla che comportano alcune modifiche, rispetto a quelli di McDonald.
  • Malattie demielinizzanti
    Si definiscono così le malattie che provocano alterazioni della mielina che avvolge i nervi. Fra di esse ci sono sclerosi multipla e neuromielite ottica.
  • Mastocita
    Cellule simili ai granulociti basofili, ma localizzate nei tessuti. I granuli dei mastociti contengono molecole e mediatori, come l’istamina, coinvolti sia nei meccanismi dell’infiammazione, che in quelli delle reazioni allergiche.
  • Materia bianca
    Uno dei tessuti dai quali è formato il cervello. In particolare si tratta di quello nel quale prevalgono le fibre nervose avvolte dalla mielina.
  • Materia grigia
    Uno dei tessuti dai quali è formato il cervello. In particolare si tratta di quello nel quale prevalgono i “corpi” dei neuroni.
  • Metilprendisolone
    Un farmaco della classe dei corticosteroidi che si usa anche nella cura delle recidive della sclerosi multipla.
  • Midollo osseo
    Uno dei tessuti nei quali si producono le cellule del sistema immunitario, a partire da cellule progenitrici (cellule staminali) e non differenziate, che evolvono differenziandosi e specializzandosi. Il midollo nel quale avvengono questi processi si trova all’interno di ossa definite(...)
  • Mielina
    È la sostanza che ricopre i nervi, isolandoli e permettendone il normale funzionamento. È formata di proteine e grassi. La mielina è danneggiata in malattie come sclerosi multipla e leucodistrofia.
  • Milza
    E’ un organo posto a sinistra nella parte alta della cavità dell’addome. Nella milza si trovano vari tipi di cellule del sistema immunitario come linfociti e plasmacellule.
  • Mitoxantrone
    E’ indicato nelle forme progressive di sclerosi multipla in fase attiva, ma è impiegato anche nelle forme più aggressive di sclerosi multipla recidivante remittente. Il mitoxantrone è un potente immunosoppressore. Per approfondimenti sul prodotto, si rimanda alla sua scheda tecnica.
  • Monofocale
    Si definisce monofocale un episodio con il quale si manifesta la Sindrome Clinicamente Isolata caratterizzata da un solo segno o sintomo, riferibile a un danno in un’unica area del sistema nervoso centrale, oppure con un’unica lesione rilevata con la risonanza magnetica.
  • MSSS
    In inglese Multiple Sclerosis Severity Score (MSSS) è un sistema proposto per misurare l’evoluzione della sclerosi multipla che mette in relazione il punteggio della EDSS con la durata della malattia.
  • Multifocale
    Si definisce multifocale un episodio, con il quale si manifesti la Sindrome Clinicamente Isolata, caratterizzato da più segni o sintomi, riferibili a danni in diverse aree del sistema nervoso centrale, oppure con varie lesioni rilevate con la risonanza magnetica.
  • Natalizumab
    È un anticorpo monoclonale in grado di legare l’integrina alfa-4. Questa è una molecola di adesione, vale a dire una struttura che permette ad alcuni tipi di globuli bianchi di attaccarsi alla parete dei vasi sanguigni. Tale legame è il primo di una serie di meccanismi che portano al(...)
  • Neurodegenerativo
    Si definisce così una malattia o un meccanismo che provocano danni e alterazioni delle cellule e della struttura del sistema nervoso.
  • Neurodegenerazione
    Meccanismo che provoca danni e alterazioni delle cellule e della struttura del sistema nervoso.
  • Neuromuscolare
    Termine che definisce strutture, malattie o sintomi che riguardano sia il sistema nervoso, che quello muscolare
  • Neuroplasticità
    Insieme di meccanismi o di processi con i quali il sistema nervoso riorganizza la sua struttura e le sue funzioni danneggiate da una malattia o da un trauma.
  • Neuroprotezione
    Termine che indica meccanismi e processi che proteggono dai danni le strutture del sistema nervoso
  • Nistagmo
    Movimenti ritmici dei globi degli occhi di un individuo al quale si chiede di fissare un oggetto posto di fronte a lui.
  • NK
    Il linfocita Natural Killer (termine traducibile in italiano con “assassino naturale”) è un tipo di linfocita che è in grado di riconoscere cellule infettate da virus o trasformate in cellule di tumori e di eliminarle. Per ulteriori dettagli sulle funzioni dei linfociti NK .
  • Ocrelizumab
    Anticorpo monoclonale in corso di sperimentazione, sia nelle forme recidivanti remittenti che in quelle progressive della sclerosi multipla. Esso avrebbe un effetto sui linfociti B che, sulla superficie, presentano la molecola denominata CD20. Queste cellule, a loro volta, avrebbero un ruolo(...)
  • Ofatumumab
    Ha un meccanismo d’azione simile a quello di rituximab, vale a dire riduce il numero dei linfociti B, diminuendo l’attività di queste cellule che sono importanti nello sviluppo del danno della sclerosi multipla.
  • Olesoxime
    Prodotto al quale si attribuisce un effetto protettivo sui tessuti del sistema nervoso e per questo è in corso di sperimentazione nella sclerosi multipla.
  • Oligodendrocita
    Il nome deriva da parole greche che significano “cellula con pochi rami”. I “rami” di queste cellule sono appendici che entrano in contatto con le fibre nevose e servono a produrre e riparare la guaina di mielina che le avvolge. Gli oligodendrociti svolgono questo compito nel sistema nervoso(...)
  • Opicinumab
    È un anticorpo monoclonale in sperimentazione nella sclerosi multipla. Esso blocca una proteina che, nel sistema nervoso, riduce la produzione di mielina. Attraverso questo meccanismo, il farmaco dovrebbe favorire la riparazione della guaina di mielina che avvolge i nervi
  • Oscillopsia
    Sensazione di una visione instabile, con persone o cose che sembrano muoversi.
  • Ozanimod
    Prodotto con caratteristiche simili al fingolimod, ma al quale vengono attribuiti vantaggi legati ad un effetto più selettivo. Si somministra per bocca ed è in corso di sperimentazione nella sclerosi multipla.
  • Parestesia
    Sintomo che consiste in un’alterazione della sensibilità percepita come sensazione di formicolio, pizzicore o altro in assenza di una stimolazione specifica.
  • Plasmaferesi
    Procedura che ha lo scopo di separare la parte liquida del sangue, il plasma, dalle altre componenti, per poi eliminare sostanze in essa contenute che sono causa di malattie.
  • Plegia
    Diminuzione della capacità di movimento o della forza che si applica ad un movimento.
  • PML
    Denominata in inglese Progressive Multifocal Leuconcephalopathy (PML), è una grave malattia che determina la degenerazione del sistema nervoso. Essa è provocata da un virus denominato JC (John Cunningham) virus, che appartiene alla classe dei poliomavirus e può essere presente nell’organismo(...)
  • Potenziali evocati
    Esame che studia le reazioni del cervello, valutate con l’elettroencefalogramma, a stimoli di vario tipo
  • Primariamente progressiva (PPSM)
    Forma di malattia in cui sin dalla comparsa si verifica una progressione costante della malattia, e che può comportare un rapido peggioramento delle disabilità.
  • Prognosi
    E' il termine medico che esprime la previsione dell’evoluzione che può avere una malattia, in termini di durata e di gravità e di efficacia delle cure
  • Psicosi
    Termine che comprende una serie di malattie psichiatriche che alterano la capacità di ragionamento delle persone che ne sono affette. Rientrano fra le psicosi la schizofrenia e la psicosi maniaco-depressiva.
  • Punteggio della Gravità della Sclerosi Multipla
    In inglese Multiple Sclerosis Severity Score (MSSS) è un sistema proposto per misurare l’evoluzione della sclerosi multipla che mette in relazione il punteggio della EDSS con la durata della malattia.
  • Rappresentazione del tensore della diffusione
    In inglese Diffusion Tensor Imaging (DTI) è una metodica di diagnosi per immagini, che costituisce un’evoluzione della risonanza magnetica, e che si basa sulla registrazione del movimento delle molecole di acqua nei tessuti. La DTI usa la diffusione dell'acqua come riferimento per determinare(...)
  • Rappresentazione del tensore della diffusione
    In inglese Diffusion Tensor Imaging (DTI) è una metodica di diagnosi per immagini, che costituisce un’evoluzione della risonanza magnetica, e che si basa sulla registrazione del movimento delle molecole di acqua nei tessuti. La DTI usa la diffusione dell'acqua come riferimento per determinare(...)
  • Recettore
    Molecola posta sulla superficie esterna (membrana) delle cellule o al loro interno. Ai recettori si legano selettivamente sostanza ormoni, mediatori e altre molecole che hanno una struttura compatibile. Il legame può dare luogo ad eventi biologici specifici all’interno della cellula. Ad(...)
  • Recettori ILT
    L’acronimo ILT sta per Immunoglobulin-Like Transcript che può essere tradotto in italiano Trascrizione Immunoglobulino-Simile. I recettori ILT3 e ILT4 hanno un effetto inibitorio sulle reazioni immunitarie.
  • Recettori Toll Like
    I recettori denominati Toll Like (in inglese Toll-Like Receptor: TLR) sono molecole localizzate sulla membrana di cellule del sistema immunitario. Esistono vari sottotipi di TLR (numerati da 1 a 13) e contribuiscono alla regolazione delle attività delle cellule del sistema immunitario.
  • Recidivante Remittente
    Forma di malattia in cui si verifica un’alternanza fra fasi acute (recidive), nelle quali si presentano nuovi sintomi, e fasi di remissione, in cui i sintomi scompaiono, ma con possibili conseguenze, in termini di disabilità, e con una progressione della malattia. Vedere anche: Come(...)
  • Riabilitazione
    Trattamento e insieme di approcci che hanno lo scopo di recuperare del tutto o in parte una funzione fisica o mentale persa a causa di un trauma o di una malattia.
  • Rimbalzo
    Si definisce cosi un rapido aumento dell’attività di una malattia, dopo la sospensione della cura. Spesso il rimbalzo porta l’attività della malattia a livelli superiori a quelli osservati prima dell’inizio della terapia. Il rimbalzo, o rebound, si è rilevato alla sospensione della(...)
  • Rimielinizzazione
    Meccanismo che permette di ricreare l’involucro di mielina che avvolge i nervi e che viene danneggiato nella sclerosi multipla.
  • RIS
    Questo quadro corrisponde ai casi nei quali una risonanza magnetica, eseguita non perché siano comparsi sintomi attribuibili alla sclerosi multipla, ma per motivi diversi, per esempio un sospetto danno da trauma, rileva la presenza di lesioni caratteristiche della sclerosi multipla
  • Risonanza Magnetica
    Tecnica di immagine basata sulle differenti proprietà magnetiche dei tessuti. L'esposizione di un’area dell’organismo a un campo magnetico di elevata intensità determina nei tessuti una serie di reazioni che vengono “lette” dall’apparecchiatura come immagini dell’anatomia dell’area stessa La(...)
  • Risonanza magnetica funzionale
    È un tipo di risonanza magnetica che evidenzia attivazione e disattivazione di aree e centri del cervello, quando si sottopone un soggetto a stimoli di vista e di altri organi di senso, della funzione cognitiva e della funzione motoria.
  • Risonanza magnetica a trasferimento di magnetizzazione
    È in grado di fornire una misura del danno alle strutture interessate dalle lesioni e anche in aree del tessuto nervoso che appaiono normali con le tecniche diagnostiche per immagini più convenzionali.
  • Risonanza pesata in diffusione
    Tipo specifico di risonanza magnetica.
  • Rituximab
    Anticorpo monoclonale che ha un effetto sui linfociti B che, sulla superficie, presentano la molecola denominata CD20. E’ usato da anni nella cura dei tumori e nella prevenzione dei meccanismi di rigetto che si possono verificare nei trapianti d’organo. Poiché i linfociti B hanno un ruolo nel(...)
  • RMN
    Tecnica di immagine basata sulle differenti proprietà magnetiche dei tessuti. L'esposizione di un’area dell’organismo a un campo magnetico di elevata intensità determina nei tessuti una serie di reazioni che vengono “lette” dall’apparecchiatura come immagini dell’anatomia dell’area stessa La(...)
  • RMNf
    È un tipo di risonanza magnetica che evidenzia attivazione e disattivazione di aree e centri del cervello, quando si sottopone un soggetto a stimoli di vista e di altri organi di senso, della funzione cognitiva e della funzione motoria.
  • RMNmt
    È in grado di fornire una misura del danno alle strutture interessate dalle lesioni e anche in aree del tessuto nervoso che appaiono normali con le tecniche diagnostiche per immagini più convenzionali.
  • Scissura sagittale
    Solco che divide il cervello in due parti denominate emisfari.
  • Secondariamente Progressiva
    Forma di malattia in cui si verifica una progressione costante della malattia, che si presenta dopo una fase in cui aveva un andamento recidivante remittente. Vedere anche: Come progredisce la Sclerosi Multipla
  • Sindrome radiologicamente isolata
    Questo quadro corrisponde ai casi nei quali una risonanza magnetica, eseguita non perché siano comparsi sintomi attribuibili alla sclerosi multipla, ma per motivi diversi, per esempio un sospetto danno da trauma, rileva la presenza di lesioni caratteristiche della sclerosi multipla
  • Sindrome simil-influenzale
    Quadro caratterizzato di sintomi simuli a quelli dell’influenza (febbre, dolori alle articolazioni, brividi, mal di testa.
  • Siponimod
    Prodotto con caratteristiche simili al fingolimod, ma al quale vengono attribuiti vantaggi legati ad un effetto più selettivo. Si somministra per bocca ed è in corso di sperimentazione nella sclerosi multipla.
  • Sistema nervoso simpatico
    È una parte del sistema nervoso periferico costituito da gangli nervosi, disposti a coppie ai lati del midollo spinale e, quindi, della colonna vertebrale che contiene quest’ultimo. Sono parte del simpatico anche le fibre, denominate post-gangliari, che dai gangli raggiungono il sistema(...)
  • SMSP
    Forma di malattia in cui si verifica una progressione costante della malattia, che si presenta dopo una fase in cui aveva un andamento recidivante remittente. Vedere anche: Come progredisce la Sclerosi Multipla
  • Spasmo
    Fenomeno di contrazione di un muscolo volontario o involontario, di durata variabile, sempre reversibile, talora ripetuto, ma senza una frequenza precisa.
  • Spasticità
    Condizione di alterata contrazione di un muscolo. Ad esempio il grado di contrazione di un muscolo non è quella corretta per permettere un certo movimento, anzi al contrario lo ostacola.
  • Statina
    Tipo di farmaco impiegato da tempo nella cura delle ipercolesterolemie, cioè delle alterazioni del metabolismo caratterizzate da elevati livelli di colesterolo nel sangue. Più di recente, alcune statine sono state valutate nella sclerosi multipla.
  • Stretching
    Tipo di riabilitazione o di ginnastica che ha l’obiettivo di distendere i muscoli, aumentarne l’elasticità e ridurne l’affaticamento.
  • T1
    Termine tecnico che indica la modalità con cui sono generate le immagini delle lesioni della sclerosi multipla con la risonanza magnetica. Dal modo in cui sono generate, dipende a sua volta, il tipo di informazione che si ottiene.  Le immagini T1 danno informazioni più accurate sull’attività(...)
  • T2
    Termine tecnico che indica la modalità con cui sono generate le immagini delle lesioni della sclerosi multipla con la risonanza magnetica. Dal modo in cui sono generate, dipende a sua volta, il tipo di informazione che si ottiene. Le immagini T2 permettono di vedere quante lesioni ci sono nel(...)
  • Teriflunomide
    La teriflunomide è una molecola che deriva dalla lenflunomide, della quale è considerata la forma attiva. La teriflunomide è un farmaco ad azione immunomodulante che contrasta l’infiammazione. Esso inibisce in modo selettivo e reversibile la sintesi della pirimidina e, in tal modo, riduce la(...)
  • Timo
    E’ un organo, localizzato al centro del torace, nel quale si sviluppa un tipo di linfocita denominato linfocita T.
  • TLR
    I recettori denominati Toll Like (in inglese Toll-Like Receptor: TLR) sono molecole localizzate sulla membrana di cellule del sistema immunitario. Esistono vari sottotipi di TLR (numerati da 1 a 13) e contribuiscono alla regolazione delle attività delle cellule del sistema immunitario.
  • Tolleranza immunitaria
    Meccanismo grazie al quale il sistema immunitario non reagisce verso molecole, materiali e composti prodotti dall’organismo stesso o provenienti dall’ambiente. L’alterazione di tale meccanismo contribuisce allo sviluppo delle allergie e anche delle malattie autoimmuni.
  • Tollerogeno
    E’ una molecola che, attraverso un contatto con il sistema immunitario, innesca meccanismi che evitano che lo stesso sviluppi, successivamente, risposte nei confronti della molecola.
  • Tomografia a coerenza ottica
    Esame non invasivo ,che permette di studiare la cornea e la retina dell’occhio. In particolare, si possono analizzare in dettaglio gli strati della cornea, la regione centrale della retina denominata macula e l’estremità del nervo ottico che arriva alla retina
  • Trapianto allogenico non mieloablativo
    Definito anche a ridotta intensità, consiste un particolare tipo di trapianto caratterizzato dalla somministrazione di farmaci ad attività prevalentemente immunosoppressiva e con una tossicità trascurabile, o comunque ridotta rispetto ai protocolli applicati nel trapianto convenzionale. Lo(...)
  • Trapianto di cellule staminali
    Come in altre malattie neurodegenerative, anche nella sclerosi multipla molte speranze sono riposte nei trattamenti che utilizzano cellule staminali. Queste possono essere definite come cellule non ancora mature e differenziate in tipi specifici che, proprio perché immature, si prestano ad(...)
  • Tronco encefalico
    Parte del sistema nervoso centrale posta fra encefalo e midollo spinale.
  • Virus JC
Potrebbe interessarti anche…

Contatta l'esperto

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti