Riparazione del danno, plasticità, compensazione e recupero della funzionalità fisica

Riparazione del danno, plasticità, compensazione e recupero della funzionalità fisica

Fact checked

La plasticità neuronale o neuroplasticità

La neuroplasticità consiste in un insieme di meccanismi e di processi con i quali il sistema nervoso riorganizza la sua struttura, la sua funzione e le connessioni, fra neuroni e fra gruppi di neuroni, in risposta a danni e a stimoli provenienti dall’ambiente esterno o dall’interno dell’organismo stesso. Il cervello, in particolare, è un sistema capace di organizzare sé stesso adattandosi alle sollecitazioni. Per comprendere le modalità di adattamento ai danni che subisce il sistema nervoso, è necessario tenere presente l’interazione fra i vari sistemi e apparati dell’organismo e l’ambiente e gli scambi di stimoli che avvengono fra sistema nervoso e organismo. Il sistema nervoso centrale e quello periferico si sviluppano di pari passo fin dalle prime settimane di vita dell’embrione e sono collegati da connessioni complesse che coinvolgono anche i muscoli. I danni acuti o cronici a carico del sistema nervoso possono determinare interruzioni più o meno ampie di questi collegamenti ai quali lo stesso sistema nervoso fa fronte creando nuove connessioni e nuove reti. Questo fenomeno rientra nei processi di neuroplasticità. D’altra parte, bisogna considerare che, quando in un insieme di sistemi complessi, come l’organismo umano, si determina un ripristino che compensa i danni provocati da malattie o da traumi, ci possono essere esiti positivi ed esiti negativi. Infatti, mentre, come riportato in precedenza, lo sviluppo del sistema nervoso avviene in maniera progressiva e coordinata, i processi di riparazione non si verificano negli stessi tempi e con gli stessi modi e non portano necessariamente agli stessi risultati. Un paragone, che può dare un’idea di quello che producono i processi di riparazione dell’organismo, è quello della formazione delle cicatrici che riparano le ferite sulla pelle. Alcune di esse, dopo settimane o mesi, quasi non si vedono più, perché hanno ripristinato la pelle esattamente com’era prima della ferita. Altre cicatrici deformano in maniera definitiva l’area della pelle che è stata riparata. Un esempio di risultato positivo della neuroplasticità è quello del miglioramento delle funzioni cognitive, alterate dalla sclerosi multipla, che si ottiene con approcci di riabilitazione. Un esempio di esito negativo è invece quello delle forme di epilessia che si sviluppano nelle persone che subiscono gravi traumi al cervello. Per tradurre questi concetti in termini pratici, che riguardino la vita quotidiana delle persone con sclerosi multipla, si può dire che l’obiettivo degli approcci di fisioterapia e riabilitazione dovrebbe essere, idealmente, quello di sfruttare al meglio i processi di neuroplasticità, per ridurre gli effetti dei danni provocati dalla malattia sulle funzioni del sistema nervoso centrale. Un obiettivo ancora più ambizioso è quello di “guidare” i processi di neuroplasticità per ottimizzarne gli esiti.

Potrebbe interessarti anche…

Riabilitazione, plasticità e recupero della funzione

La fisioterapia applicata alla riabilitazione ha dimostrato di ottenere, nella sclerosi multipla, miglioramenti di diverse funzioni motorie e anche delle funzioni cognitive. Fra le prime possono migliorare forza, resistenza allo sforzo, capacità di camminare e durata del cammino e astenia. Gli approcci che si usano sono diversi e arrivano fino a quelli più evoluti che prevedono l’assistenza di robot. Per quanto riguarda l’effetto della riabilitazione sulle funzioni cognitive, si sono osservati miglioramenti su vari tipi di elaborazione della memoria. I risultati delle ricerche confermano l’efficacia della fisioterapia nella sclerosi multipla anche se si tratta spesso di studi su popolazioni limitate nei quali è difficile ottenere una significatività statistica. A proposito di effetti che possono avere i processi di neuroplasticità, è interessante notare che, in una persona con sclerosi multipla che ha problemi motori, si dimostra, con prove appropriate, un’attivazione del cervello sensibilmente maggiore di quella di soggetti normali. La stessa differenza è stata dimostrata confrontando individui con e senza alterazioni delle funzioni cognitive. Varie ricerche hanno rilevato che, nei malati di sclerosi multipla, si verificano fenomeni di neuroplasticità che modificano le vie attraverso le quali vengono trasmessi gli stimoli fra un’area e l’altra del cervello e fra il sistema nervoso centrale e quello periferico. I fenomeni di neuroplasticità, a loro volta, possono portare a recuperi più o meno ampi di funzioni alterate dalla malattia che vanno da quelle motorie a quelle cognitive. Le dimostrazioni del fatto che con approcci di riabilitazione si possano determinare fenomeni di plasticità sono state raccolte, per ora, su casistiche limitate, ma sono molto interessanti. Infatti, con la risonanza magnetica funzionale si è confermato che, con approcci di riabilitazione delle funzioni cognitive, si possono verificare cambiamenti dell’attività di alcune aree del cervello, ai quali corrispondono miglioramenti dei risultati delle prove che dimostrano l’efficienza delle funzioni cognitive. È importante sottolineare che, al miglioramento di tali funzioni, si associa anche una riduzione dell’attivazione di alcune aree del sistema nervoso centrale, che conferma la relazione fra grado di alterazione delle funzioni e intensità dell’attivazione.

Nella sezione Riabilitazione fisica nella sclerosi multipla troverete anche:

Bibliografia

  • JY Lee e coll. Axonal degeneration in multiple sclerosis: can we predict and prevent permanent disability? Lee et al. Acta Neuropathologica Communications 2014; 2:97: 2 of 16 http://www.actaneurocomms.org/content/2/1/97.
  • P Flachenecker. Clinical implications of neuroplasticity – the role of rehabilitation in multiple sclerosis. Frontiers in neurology 2015; Volume 6: Article 36.
  • F Kahn e coll. Neurorehabilitation: applied neuroplasticity. Journal of Neurology 2017; 264: 603–615.
  • Barnes MP, McLellan DL, Sutton RA 1993. Spasticity. In Neurological rehabilitation eds Greenwood R, Barnes MP, McMillan TM and Ward CD, Chrcill Livingstone chapter 14, 161-172.
  • Bobath B1978 Adult hemiplegia: evaluation and treatment. Spottiswoode Ballantyre, London.
  • Crabtree-Hartman E 2018. Advanced symptom management in Multiple sclerosis Neurol Clin 37:196-218.
  • Izquierdo G 2017. Multiple sclerosis symptoms and spasticity management: new data. Neurodener Dis Mang 7(6s):7-11.
  • Feinstein A et al. 2015 Treatment of progressive multiple sclerosis: what works, does not, and what is needed Lancet Neurol. 2015 Feb;14(2):194-207.
  • Manyam BV 1986 Recent advances in the treatment of cerebellar ataxias. Clinical Neuropharmacology 9:508-516.
  • Sanes JN, LeWitt PA, Mauritz KH 1988. Visual and mechanical control of postural and kinetic tremor in cerebellar system disorders. Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry 51: 934-943.
  • Ward CD 1987 Attempts to improve sensory ataxia with exteroceptive cues 1987. Journal of Neurology Neurosurgery and Psychiatry 50:949.
Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.