Componenti della dieta e microbiota nella sclerosi multipla

Componenti della dieta e microbiota nella sclerosi multipla

Fact checked

L’alimentazione influenza la composizione del microbiota dell’intestino al quale si attribuisce un effetto sul decorso della sclerosi multipla e, secondo alcuni autori, anche sulla sua comparsa. Quest’ultima relazione si baserebbe sui rapporti che i microrganismi che compongono il microbiota intestinale stabiliscono con il sistema immunitario. L’alimentazione delle persone che vivono nei paesi più sviluppati, che sono anche quelli nei quali la sclerosi multipla è più diffusa, condiziona il microbiota intestinale, aumentando la quantità di microbi denominati Firmicutes e diminuendo quella dei Bacteroidetes. Tali modificazioni comportano, a loro volta, due conseguenze negative: la produzione di maggiori quantità di sostanze che amplificano i processi infiammatori. Sulla base di queste premesse, l’attenzione degli esperti di sclerosi multipla si è concentrata sul microbiota come componente della fisiopatologia della malattia. Una revisione della letteratura pubblicata nel 2018 ha passato in rassegna gli studi eseguiti e ha riportato che la maggiore mole di dati, sulla relazione fra microbiota e sclerosi multipla, finora è stata raccolta in modelli di laboratorio che simulano i meccanismi di danno della malattia. In queste ricerche si è osservato che alcuni batteri presenti nel microbiota possono contribuire ad attivare meccanismi dell’infiammazione, che provocano, a loro volta, alterazioni simili a quelle che si verificano nella sclerosi multipla. D’altra parte, ad alcuni tipi di batteri è stata attribuita la capacità di controllare o di sopprimere infiammazione e danno. Per quanto riguarda le evidenze raccolte nell’uomo, non si sono rilevate sempre differenze nella composizione del microbiota, fra persone con sclerosi multipla e soggetti paragonabili per altre caratteristiche, ma non affetti dalla malattia. Alcune ricerche hanno permesso però di associare specifiche caratteristiche del microbiota a un’aumentata differenziazione dei linfociti T in popolazioni di cellule in grado di potenziare i meccanismi dell’infiammazione. In tali processi non giocano un ruolo solo i batteri, ma anche alcune molecole da essi prodotte. Sono stati eseguiti studi anche per valutare l’efficacia sulla sclerosi multipla di approcci mirati a influenzare in vario modo il microbiota. Alcuni autori hanno provato a somministrare la vitamina D, con l’obiettivo di migliorare la composizione del microbiota e i suoi effetti sul sistema immunitario. È stato raccolto qualche risultato interessante, ma si tratta di evidenze da verificare su casistiche molto più ampie. Un altro intervento che è stato valutato è la somministrazione di probiotici. Tale trattamento ha prodotto esiti contrastanti, che impediscono di trarre conclusioni. Un ulteriore approccio che è stato tentato è quello di un’alimentazione programmata con l’obiettivo di modificare il microbiota e limitare la produzione di molecole che alterano la risposta immunitaria. Anche da queste esperienze non si sono raccolte evidenze conclusive. In un sito italiano dedicato al microbiota sono stati pubblicati articoli, che si riferiscono a studi con risultati interessanti, ma in grandissima parte eseguiti su animali. Riassumendo, le informazioni oggi disponibili sulla relazione fra alterazioni del microbiota e sclerosi multipla non permettono di trarre indicazioni concrete utili nella gestione clinica della malattia. Ulteriori ricerche, eseguite nell’uomo, su casistiche ampie e con metodi in grado di analizzare approfonditamente il microbiota, potranno fare chiarezza sull’argomento. 

Potrebbe interessarti anche…

Nella sezione Alimentazione, nutraceutici e integratori nella sclerosi multipla troverete anche:

Bibliografia

  • MJ Burgur e coll. Influence of Diet in Multiple Sclerosis: A Systematic Review. Adv Nutr 2017;8:463–72.
  • M Farinotti e coll. Dietary interventions for multiple sclerosis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2012, Issue 12. Art. No.: CD004192. DOI: 10.1002/14651858.CD004192.pub3.
  • A Ganesh e coll. The case for vitamin D supplementation in multiple sclerosis. Multiple Sclerosis and Related Disorders 2013; 2: 281–306.
  • AK Hedström e coll. Interaction between adolescent obesity and HLA risk genes in the etiology of multiple sclerosis. Neurology 2014; 82: (865-72).
  • AK Hedström e coll. Obesity interacts with infectious mononucleosis in risk of multiple sclerosis. European Journal of Neurology 2015; 22: 578–584.
  • A Manouchehrinia e coll. association of Pre-Disease Body Mass index With Multiple sclerosis Prognosis. Frontiers in Neurology 2018; 9: art 232.
  • P Miller e coll. The pharmacological and non-pharmacological interventions for the management of fatigue related multiple sclerosis. J Neurol Sci. 2017 Oct 15;381:41-54. doi: 10.1016/j.jns.2017.08.012. Epub 2017 Aug 12.
  • EM Mowry e coll. The Dynamics of the Gut Microbiome in Multiple Sclerosis in Relation to DiseaseNeurol Clin 36 (2018) 185–196.
  • A Penesová e coll. Nutritional intervention as an essential part of multiple sclerosis treatment? Physiol Res. 2018 Aug 16;67(4):521-533.
  • JR Plemel e coll. Over-the-counter anti-oxidant therapies for use in multiple sclerosis: A systematic review. Mult Scler J 2015, Vol. 21(12) 1485–1495.
  • P Riccio e R Rossano. Nutrition Facts in Multiple Sclerosis. ASN Neuro 2015; January-February: 1–20.
  • AM Tejani e coll. Carnitine for fatigue in multiple sclerosis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2012, Issue 5. Art. No.: CD007280. DOI: 10.1002/14651858.CD007280.pub3.
  • https://microbioma.it/neuroscienze/sclerosi-multipla-microbiota-intestinale-e-sistema-endocannabinoide-possibili-target-per-nuove-terapie/.
Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.