Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Alimentazione, nutraceutici e integratori nella sclerosi multipla

Alimentazione, nutraceutici e integratori nella sclerosi multipla

Riguardo all’importanza che viene data all’alimentazione da parte di chi è affetto da una malattia cronica come la sclerosi multipla ci possono essere due atteggiamenti generali. C’è chi pensa di poter affrontare, o addirittura guarire, la malattia in questione con una specifica dieta e chi, mediante un’alimentazione mirata, si pone l’obiettivo di mantenere il miglior benessere possibile, compatibilmente con la patologia dalla quale è affetto e per trattare la quale assume cure adeguate. I primi non possono essere biasimati, perché la consapevolezza di avere una malattia grave e la prospettiva di assumere farmaci per gran parte della propria vita possono far scattare meccanismi di rifiuto, poco razionali, ma giustificabili. Poco razionali perché il più delle volte fanno riferimento a indicazioni, relative alle diete, prive di dimostrazioni scientifiche di efficacia e, semmai, diffuse con intenti fuorvianti e speculativi. Quello dei secondi è l’approccio più coerente e realistico, perché si basa sul principio che l’alimentazione va sempre adattata alle necessità dell’organismo, tenendo conto di tanti fattori: dall’età al sesso, dal grado di attività svolta alla presenza di malattie. Inoltre, così facendo, il funzionamento dell’organismo stesso si ottimizza. Usando le parole “sclerosi multipla” e “dieta” come chiavi di ricerca, in un archivio di articoli scientifici come PubMed, si ottiene un totale di 748 pubblicazioni e si rileva che: nel 1987 all’argomento ne erano state dedicate 4, 9 nel 1997, 12 nel 2007 e 54 nel 2017. Negli ultimi anni, quindi, si sono moltiplicate le ricerche in questo campo, a testimonianza dell’interesse degli studiosi per la verifica degli effetti delle diverse componenti della dieta sulla comparsa o sull’andamento della sclerosi multipla. Mentre però gli studi eseguiti non hanno fornito evidenze conclusive circa l’effetto curativo dell’alimentazione, dell’argomento si è parlato tanto e non sempre a proposito. Lo testimonia il numero di link che si ottiene inserendo le stesse parole, “sclerosi multipla” e “dieta”, in uno dei maggiori motori di ricerca: 25.900.000. Nell’ambito di questo enorme volume di informazione recente, si trovano anche tante diete alle quali vengono attribuiti effetti importanti, o risolutivi, ma che non sono altro che la rivisitazione di regimi alimentari proposti nel passato e per i quali non si è mai raccolta nessuna dimostrazione di efficacia. L’obiettivo di questo Angolo dello specialista è quello di riassumere le principali evidenze scientifiche circa gli effetti che alcune componenti dell’alimentazione hanno dimostrato di avere nelle persone con sclerosi multipla.

Potrebbe interessarti anche…

In questa sezione troverete

Sezione a cura del Prof. Vincenzo Brescia Morra, Professore di Neurologia e Direttore del Centro per la Sclerosi Multipla presso la Clinica Neurologica dell’Università “Federico II” di Napoli

Contatta l'esperto

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti