MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Valutata l’efficacia di un test del respiro per la diagnosi del cancro dello stomaco

Notizia

PUBBLICATO

Valutata l’efficacia di un test del respiro per la diagnosi del cancro dello stomaco

Uno studio pilota ha valutato l’efficacia di un test del respiro nella diagnosi del cancro dello stomaco e dell’esofago. I risultati raccolti sono incoraggianti.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La frequenza del cancro dello stomaco e dell’esofago è in aumento e la sopravvivenza a 5 anni dei malati con questo tumore è ridotta. La difficoltà nel curare questa neoplasia è dovuta spesso alla diagnosi ritardata che rende meno efficace i protocolli di terapia disponibili. Attualmente, la diagnosi si formula con l’esofago-gastro-duodenoscopia, che è un esame costoso, per fare il quale ci può essere una lunga attesa e al quale non ci si sottopone volentieri. Al Congresso dell’Organizzazione Europea del Cancro (in inglese European CanCer Organisation: ECCO) sono stati presentati i risultati di uno studio eseguito su 330 pazienti valutando la concentrazione di 5 molecole nell’aria emessa con il respiro. Le molecole in questione erano: acido butirrico, acido pentanoico, acido esanoico, butanale e decanale. Confrontando i risultati del test del respiro con quelli dell’esofago-gastro-duodenoscopia, si è rilevato che il primo ha gradi elevati di sensibilità e specificità, vale a dire che fornisce evidenze affidabili. Lo studio pilota è stato eseguito confrontando 163 persone con cancro dello stomaco e dell’esofago con 172 che presentavano sintomi ma non avevano il tumore. Il prossimo passo consisterà nell’applicazione del test del respiro in individui nei quali il tumore non è ancora stato individuato. Uno degli autori della ricerca ha dichiarato, alla rivista in rete Medscape, che, in futuro, il test del respiro potrebbe essere eseguito in tutti i soggetti che si rivolgono al Medico di Medicina Generale per sintomi da difficoltà di digestione. Questo permetterebbe di ridurre le endoscopie, con i costi e i disagi relativi, e di ampliare il numero di tumori individuati precocemente. La ricerca è stata finanziata dal Sistema Sanitario Nazionale della Gran Bretagna che sarebbe interessato ad avere a disposizione un esame economico, facile da eseguire e ben accetto dagli utenti per la diagnosi precoce del cancro dello stomaco e dell’esofago.

Tommaso Sacco

Fonte: Medscape